QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PISA
Oggi 9° 
Domani 10° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
giovedì 08 dicembre 2016

Attualità giovedì 28 gennaio 2016 ore 16:45

Scoperte 27 fideiussioni irregolari

Il sindaco Marco Filippeschi

Via all'iter per la riscossione dei crediti. Quattro esposti in procura e accertamenti sui dirigenti e funzionari del Comune

PISA — L'indagine condotta dalla segretaria generale del Comune di Pisa, Marzia Venturi ha fatto emergere 27 irregolarità per altrettante fidejussioni presentate al Comune da parte di privati. Lo hanno reso noto oggi il sindaco, Marco Filippeschi insieme all'assessore ai lavori pubblici, Andrea Serfogli e alla stessa Venturi.

Le indagini sono cominciate qualche mese fa, dopo alcune denunce del gruppo consiliare di opposizione Una città in comune-Prc.

Il Comune ha inviato quattro esposti alla procura della repubblica e ha accertato che si tratta di "una situazione che riguarda un'ampia fetta di imprenditori e non solo alcuni in particolare: sarà la magistratura a definire se la responsabilità è anche degli stessi imprenditori o solo dei soggetti che hanno emesso le polizze fidejussorie".

"Il costruttore che compie un intervento urbanistico - ha spiegato l'amministrazione - deve occuparsi anche di strade, fognature, illuminazione pubblica e altri servizi. La fidejussione è una delle garanzie: se chi costruisce non fa le opere richieste il Comune può escutere la fideiussione, cioè chiedere, a chi la emessa, i soldi".

Di queste fidejussioni irregolari, 20 riguardano interventi urbanistici (per circa 14 milioni di euro a garanzia), le altre 7 il pagamento dilazionato di oneri di urbanizzazione per un totale di 1,1 milioni di euro.

"Da sottolineare -aggiunge l'amministrazione- che non sono implicati casi di lavori e appalti pubblici".

Il Comune si è cautelato attivando la municipalizzata incaricata della riscossione dei tributi. "Abbiamo già chiesto per tutte le polizze non valide la sostituzione anche in base allo stato dei lavori -assicura il sindaco- e abbiamo attivato i procedimenti disciplinari nei confronti di alcuni dirigenti e funzionari degli uffici competenti per accertare se vi sia stato omesso o carente controllo. Ma per prevenire certe situazioni -ha aggiunto Filippeschi -serve un quadro normativo nazionale più chiaro".

Il sindaco ha infatti annunciato di aver scritto a Bankitalia e al presidente dell'Anci, Piero Fassino.

Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Attualità