QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PISA
Oggi 10°14° 
Domani 14° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
mercoledì 20 marzo 2019

Cronaca martedì 13 novembre 2018 ore 17:30

Sequestrata, drogata e violentata

L'incubo durato due settimane di una 29enne. La donna è riuscita a chiedere aiuto chiamando un amico con il suo cellulare



PISA — Tenuta prigioniera per due settimane, drogata e stuprata.  Lo scorso 11 novembre la polizia ha arrestato per sequestro di persona un uomo di 54 anni di origine macedone.

Le indagini sono partite nel tardo pomeriggio del 10 novembre, quando un uomo ha chiamato il 113 dicendo di aver ricevuto sul suo cellulare la richiesta di aiuto di una sua amica di 29 anni, che in lacrime gli diceva di trovarsi in un appartamento in balia di due uomini, inviandogli poi una foto in cui si vedeva un vistoso ematoma all’occhio sinistro

La polizia ha quindi localizzato la cella agganciata dal cellulare della donna, iniziando le ricerche ella zona, che sono andate avanti tutta la notte. La mattina dopo il cellulare della donna ha poi agganciato una cella telefonica nei pressi della stazione di Pisa. Le immediate ricerche hanno permesso di individuare la donna, che camminava accanto al suo aguzzino,  in condizioni di salute visibilmente precarie.

Entrambi sono stati portati negli uffici della polizia. Dopo un primo momento di reticenza, dovuto alla sua condizione psicofisica, la donna ha capito che si trovava in un ufficio di polizia e ha deciso di raccontare tutto.

Ai poliziotti ha detto di essere stata sequestrata dal 54enne due settimane prima e di essere stata condotta contro la sua volontà in un appartamento ubicato in un luogo da lei non conosciuto. Ha detto di avere ricevuto un pugno all’occhio sinistro che le aveva procurato un forte ematoma, di essere stata drogata e poi violentata.

Il 54enne è stato arresto in flagranza per il delitto di sequestro di persona e contestuale fermo di indiziato di delitto per il reato di violenza sessuale aggravata.

Nella casa era presente anche un giovane di origine marocchina, indagato a piede libero per il reato di sequestro di persona in concorso. All'interno sono stati trovati alcolici e droghe.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Attualità

Politica