QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PISA
Oggi 11° 
Domani 15° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
venerdì 22 marzo 2019

Attualità martedì 03 ottobre 2017 ore 06:30

Sicurezza, una task force per Porta a Mare

La Corte Sanac a Porta a Mare, Pisa

Il Comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica, riunitosi ieri, ha programmato interventi straordinari per corte Sanac e zone limitrofe



PISA — Presieduto dal prefetto Angela Pagliuca, si è riunito ieri il Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica, convocato per esaminare le misure di prevenzione e contrasto ai fenomeni di criminalità, in particolare furti e danneggiamenti che di recente hanno interessato la Galleria Sanac, nel quartiere di Porta a Mare.

Erano presenti, oltre ai componenti di diritto dell’organismo di sicurezza, il presidente di Confcommercio Federica Grassini e il direttore Federico Pieragnoli, il responsabile del centro storico di Confesercenti Luigi Micheletti e il funzionario area sindacale Giulio Garzella, nonché il Presidente della Ctp 2 di Pisa, Benedetta Di Gaddo.

"La riunione - hanno fatto sapere dalla prefettura - è servita ad individuare punti di convergenza con i responsabili delle associazioni di categoria e il presidente della Ctp2 di Pisa per attivare strategie di sicurezza condivise in grado di rafforzare l’azione di contrasto al degrado nella zona di Porta a Mare. In particolare, anche alla luce della preoccupazione espressa per gli episodi di danneggiamento verificatisi nella notte tra l’8 ed il 9 settembre scorso, presso la galleria dell’area Sanac, si è convenuto di attuare strategie di prevenzione e contrasto di ulteriori situazioni di microcriminalità nella zona suddetta".

Il Prefetto ha richiamato i protocolli d’intesa nazionali del Ministero dell’Interno con le associazioni di categoria proponendone l’approvazione a livello provinciale, onde adottare interventi di sicurezza partecipata che, tramite un incremento degli strumenti di difesa passiva quali la videosorveglianza, collegata con le centrali operative delle forze dell’ordine, concorrano a coadiuvare l’azione di queste, migliorando la percezione di sicurezza nei cittadini.

"Si è deciso di costituire un apposito tavolo tecnico presieduto dal Questore - hanno aggiunto dalla prefettura - con la partecipazione dei rappresentanti delle associazioni di categoria e di effettuare controlli straordinari da parte delle Forze dell’Ordine".

Rigurardo alle forze dell'ordine, il Prefetto ha voluto sottolineare il loro intenso impegno, riconosciuto anche dai presenti, e gli ottimi risultati finora conseguiti, nonostante le difficoltà derivante dalla scarsità delle risorse a disposizione che hanno indotto a richiedere rinforzi al Ministero dell’Interno.

Rigurardo ad altri temi, nella riunione si è poi convenuto di dare ancora maggiore impulso, con un’azione congiunta tra la Guardia di Finanza e la Polizia Municipale, all’attività di contrasto all’abusivismo commerciale ed alla contraffazione, mediante ulteriori sistematici servizi nelle zone ritenute più soggette al fenomeno.

Infine, è stata affrontata la problematica del rafforzamento delle misure di sicurezza antiterrorismo nell’area di piazza dei Miracoli, compreso il Camposanto Monumentale. Sul punto, il prefetto ha ringraziato il presidente dell’Opera Primaziale, Pierfrancesco Pacini, per la collaborazione prestata, utile per le misure di sicurezza, avvalendosi dell’apporto della vigilanza delle guardie giurate.

“Il fatto che in questa sede istituzionale sia stata affrontata nel dettaglio l'escalation di furti e degrado di Corte Sanac e del quartiere Porta a Mare - ha commentato al termine della riunione Grassini di Confcommercio - è di per se un fatto positivo. Se fino ad oggi le istituzioni ignoravano e non consideravano questa zona degna di una particolare attenzione, la recente mobilitazione di commercianti, imprenditori e cittadini ha permesso di sollevare in maniera eclatante la questione”.

“Questo non significa automaticamente la soluzione di tutti i problemi - ha proseguito Federica Grassini - ma non possiamo negare che il Comitato per la Sicurezza, presieduto dal Prefetto, qualche impegno lo ha assunto. La zona sarà attenzionata con una presenza più dinamica di forze dell'ordine; non si escludono interventi specifici e blitz per liberare l'ex fabbricato Vitarelli dalla conclamata situazione di degrado sociale in cui versa; si proseguirà nell'opera di persuasione della proprietà affinché si proceda ad una messa in sicurezza dell'intero fabbricato”.

“Che le forze dell'ordine siano insufficienti rispetto alle reali esigenze della città è stato riconfermato per l'ennesima volta anche durante questo tavolo - ha concluso la presidente di Confcommercio - ma ciò non è un buon motivo per arrendersi. Come associazione abbiamo ribadito a Prefetto e Sindaco la nostra completa disponibilità a far parte di una delegazione per incontrare personalmente il ministro degli Interni con la specifica richiesta di più uomini da destinare a Pisa, e anche, in caso di rifiuto, a promuovere azioni congiunte con tutte le istituzioni principali affinché la sicurezza della città sia adeguatamente garantita”.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Cronaca