QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PISA
Oggi 21° 
Domani 25° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
mercoledì 26 settembre 2018

Cronaca venerdì 29 dicembre 2017 ore 14:29

Stazione Marconi, l'abbandono va al Tg1-VIDEO

Il completo degrado della struttura di Coltano, dove lo scienziato condusse i suoi esperimenti più importanti, all'attenzione nazionale



PISA — La struttura è una villa, completamente abbandonata a sè stessa, nelle campagne di Coltano, tra Pisa e Livorno, da dove Guglielmo Marconi, per l'inaugurazione alla presenza del Re Vittorio Emanuele III, fece partire un messaggio radio che attraversò l'oceano arrivando in Canada. Negli anni la stazione fu un fondamentale centro di collegamento tra l'Italia, l'Africa e il Nord America, con antenne alte 75 metri. Servì per le comunicazioni militari, quelle con le navi e, negli anni successivi, intorno a quella già esistente, nacque anche una seconda stazione radio ad onde corte, con antenne di 250 metri. La struttura, dalla quale partì anche un segnale radio che accese il Cristo rendentore di Rio de Janeiro nel 1931, fu attiva fino alla seconda guerra mondiale.

Oggi è ridotta ad uno scheletro, con il tetto sfondato e la vegetazione che la ha completamente ricoperta. Da tempo si era proposto il suo recupero e del caso si erano occupati anche i Governi succeduti negli ultimi anni.

"La denuncia di un vero e proprio scandalo nazionale ha preso finalmente quota. Il Comune si è fatto avanti, come si sa, con un progetto per il trasferimento definitivo della proprietà demaniale e con la richiesta di un'assegnazione almeno provvisoria per interventi minimi di mantenimento – ha detto il sindaco di Pisa Marco Filippeschi commentando il servizio andato in onda sul TG1 sulla stazione Marconi a Coltano, di proprietà del Demanio - Nell'ultimo incontro con il capo di gabinetto del ministro Dario Franceschini, Giampaolo D'Andrea, ho di nuovo segnalato il caso, sollecitando anche un intervento del Mibact. Si sa che ho sensibilizzato i presidenti della Repubblica Napolitano e Mattarella. È una battaglia che la città deve vincere. Ma la memoria di Guglielmo Marconi ha un valore assoluto, mondiale. Dunque si tratta di una risposta che governo e parlamento devono dare, che ha una dimensione certamente risolvibile. Lo scandalo è che ad oggi non si è trovata e le immagini delle rovine della Stazione danno un'immagine molto negativa del nostro paese".

La Lega invece è andata all'attacco con il capogruppo in Regione Manuel Vescovi e il segretario cittadino Edoardo Ziello.

"“Il degrado e l’incuria - afferma Manuel Vescovi, Capogruppo in Consiglio regionale della Lega - hanno preso, da tempo, il sopravvento in quella struttura storica ubicata a Coltano nel comune di Pisa, da cui agli albori del ‘900 Guglielmo Marconi fece partire il primo radiomessaggio transoceanico.” 

“Una situazione non degna di un paese civile - prosegue il Consigliere - che riteniamo debba essere prontamente sanata, ridando piena dignità ad un luogo che è stato un gioiello della scienza.” 

“Pertanto - conclude Manuel Vescovi - faremo un’interrogazione per chiedere alla Regione Toscana, per quanto di sua competenza, d’intervenire per dare il via ad una effettiva ristrutturazione del luogo.”

Sulla stessa lunghezza d’onda anche Edoardo Ziello, Segretario comunale di Pisa della Lega che ribadisce come la famosa stazione radiotelegrafica versi, effettivamente, in condizioni pietose, considerata la notevole importanza storica dell’edificio. 

“Visto che il Sindaco - sottolinea il rappresentante locale del Carroccio - aveva promesso di farci un museo della comunicazione e non ha mai, colpevolmente, provveduto a realizzarlo, anche a seguito della pubblica denuncia fatta al Tg1 dalla figlia del grande Marconi, abbiamo quindi chiesto al nostro Gruppo consiliare in regione di predisporre un’apposita interrogazione per fare piena luce su questa triste vicenda.”

L'edizione del Tg1 delle 20. Il servizio è al minuto 32'30''



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Politica

Politica