QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PISA
Oggi 19°19° 
Domani 20°24° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
lunedì 16 settembre 2019

Attualità sabato 13 giugno 2015 ore 11:13

Scrutini bloccati alle scuole medie Fibonacci

Iniziativa delle Rsu contro la “Buona Scuola” del Governo Renzi



PISA — Alla scuola media Fibonacci è in atto il blocco degli scrutini per protestare contro la riforma della scuola.

"Il Governo Renzi e il Partito Democratico - commenta Lucia Basoccu, Rsu  dell'IC Fibonacci- vogliono imporre al Paese e al Parlamento il Ddl Buona Scuola. Una controriforma pessima che aggraverà pesantemente la situazione della Scuola Pubblica, senza risolvere alcun problema, portata avanti nonostante le proteste espresse il 5 maggio scorso con lo sciopero più massiccio mai visto negli ultimi anni. Un provvedimento criticato da più parti perché non investe sufficienti risorse nella Scuola Pubblica, ma finanzia gli istituti privati e stravolge il ruolo stesso della scuola, modificando radicalmente la figura del Preside, che, nominato direttamente da Roma, in maniera del tutto arbitraria sceglie gli insegnanti da inserire nel proprio organico e valuta chi sono i docenti "meritevoli" cui assegnare gli aumenti di stipendio, oltre a decidere la didattica. Le aziende potranno finanziare le scuole controllandone la didattica, mentre si prevede il finanziamento dei singoli istituti da parte di famiglie ed imprese (mentre non si assicurano le risorse dello Stato), con la conseguente creazione di poche scuole di serie A con molti fondi ed altre di serie B sotto finanziate".

"Agli studenti -proseguono dalla Rsu- verrà imposto il lavoro gratuito in azienda senza alcuna garanzia formativa. Verranno tagliati altri 2mila lavoratori del personale ATA, mentre per oltre 150mila precari si prevede un'espulsione di massa dalla scuola, dopo anni di insegnamento e costosi corsi di abilitazione. I neoassunti saranno insegnanti di serie B senza diritti, destinati a fare supplenze e ad insegnare materie su cui non sono abilitati, sempre sotto il ricatto del licenziamento".

"Questo disegno di legge va fermato -dicono i docenti in sciopero delle scuole medie Fibonacci- per questo motivo abbiamo ritenuto necessario partecipare agli scioperi indetti da Cgil, Cisl, Uil, Gilda, Snals e Cobas per bloccare le operazioni di scrutinio".

Necessario invece "avviare un percorso per una vera riforma che garantisca una Scuola Pubblica di qualità per tutti, con finanziamenti al livello dei paesi più avanzati, da investire in edilizia, strutture, tecnologie, formazione di qualità e nell'ampliamento dell'organico. Solo così sarà possibile innalzare il livello della didattica e ridurre il numero degli alunni per classe. Per una scuola più democratica e senza padroni assoluti, dove la libertà di insegnamento, peraltro sancita dalla Costituzione, sia salvaguardata".



Tag

Lega a Pontida, elmi, magliette verdi e cartelli: tutte le stravaganze dei manifestanti

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Cronaca

Cronaca