QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PISA
Oggi 21°34° 
Domani 22°33° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
lunedì 22 luglio 2019

Attualità mercoledì 28 giugno 2017 ore 15:00

Pisa e Miami unite nel campo della dermatologia

Madeline Lederer e Karishma Desai

Fra le attività congiunte delle rispettive università lo scambio di studenti e l’organizzazione del Simposio internazionale Galilei



PISA — Il gemellaggio fra le università di Pisa e di Miami nel campo della dermatologia compie dieci anni, un anniversario che ha il volto di due giovani studentesse statunitensi della School of Medicine in visita a Pisa.

Madeline Lederer e Karishma Desai sono solo le ultime fra i molti ragazzi e ragazze che hanno avuto la possibilità di frequentare i due atenei, compiendo così delle esperienze fondamentali per il loro percorso di studi. Come ad esempio la possibilità di seguire il Simposio Internazionale Galilei di Dermatologia, un evento promosso annualmente sempre nell’ambito del gemellaggio e che quest’anno è stato organizzato a Pisa dal 15 al 16 giugno da Marco Romanelli, professore dell’ateneo pisano e direttore della clinica di Dermatologia dell’Azienda ospedaliera universitaria pisana.

“Il Simposio Galilei è stata un’esperienza incredibile, ascoltare le relazioni dei più importanti studiosi a livello mondiale è stato un vero privilegio, così come fare pratica nella clinica dermatologica all’ospedale Santa Chiara”, racconta la venticinquenne Madeline Lederer che per il suo soggiorno pisano ha scelto di stare a San Piero a Grado, nella “beautiful” campagna toscana a due passi dal mare.

Altrettanto entusiasta anche Karishma Desai, al secondo anno della Scuola di medicina dell’università di Miami. “Mi sento molto fortunata – ha sottolineato – stando in Italia e grazie a questo programma internazionale di scambio posso assecondare sia la mia passione per la medicina sia quella per la cultura”.

Nei giorni del Simposio Madeline e Karishma hanno avuto la possibilità di incontrare, per un simbolico passaggio di testimone, Preetha Kamath e Inna Granowsky, altre due studentesse dell’università di Miami che negli scorsi sono state a Pisa nell’ambito del gemellaggio e che quest’anno sono tornate per tenere un seminario al reparto di dermatologia al Santa Chiara.

“L’accordo tra la nostra università e quella di Miami – conclude il professore Romanelli - celebra una tradizione ormai di dieci anni con risultati di grande rilievo principalmente per i giovani studenti di medicina, da questo punto di vista, il motto del simposio “Eppur si muove” del celebre Galileo Galilei rappresenta veramente il motore trainante delle iniziative legate a questo gemellaggio interuniversitario”.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Cronaca

Attualità