QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PISA
Oggi 13° 
Domani 13° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
martedì 26 marzo 2019

Cronaca venerdì 29 maggio 2015 ore 18:15

Mansider, movente ancora oscuro

Una delle entrate della Mansider

I carabinieri stanno cercando di risalire all'identità dei due uomini incappucciati. Intanto il sindaco di Cascina vieta la raccolta delle verdure



PONTEDERA — Settantamila pneumatici bruciati, come una flotta di 17500 auto. Ma nel rogo della Mansider c'erano anche gomme di trattori e camion, oltre a quelli delle auto.

A nemmeno 48 ore dall'enorme incendio doloso alla ditta di viale America sembra tornata la normalità. I camion entrano ed escono pieni di materiale e se non fosse per alcuni alberi spelacchiati e neri non sembrerebbe neanche che giovedì sera ci sia stato un enorme incendio, visibile anche a chilometri di distanza con le fiamme alte decine di metri.

I vigili del fuoco, arrivati tempestivamente con quattro squadre e otto automezzi hanno impiegato diverse ore, fino all'alba, per mettere in sicurezza la zona. Il sindaco Millozzi e altri membri della giunta hanno passato la notte sul posto, per seguire l'evolversi della vicenda.

Intanto le indagini vanno avanti – I carabinieri hanno acquisito il video in cui si vedono due uomini incappucciati appiccare il fuoco in vari punti. I militari stanno ancora cercando di capire perché qualcuno abbia deliberatamente incendiato l'enorme magazzino a cielo aperto.

A Cascina vietato raccogliere le verdure - Nel frattempo il sindaco di Cascina Alessio Antonelli ha ordinato il divieto di raccolta delle verdure a foglia larga (come bietola, cavolo, spinaci) nelle zone di Latignano e Marciana. Vietato anche il pascolo degli animali.

Dalla tipologia del materiale bruciato, valutato congiuntamente da Arpat e da altre istituzioni, è emersa la presenza nei gas di combustione di sostanze volatili inquinanti. Dalle valutazioni effettuate è emerso che nel Comune di Cascina, la massima esposizione alle sostanze chimiche sprigionatasi dall’incendio si è verificata nelle zone di Latignano e Marciana.

I divieti di raccolta e di pascolo sono stati adottati in via cautelativa e sono temporanei. Dureranno fino alla disponibilità delle analisi chimiche in corso, dopo che a Latignano Asl e Arpat hanno effettuato un campionamento di verdura a foglia larga di cui si attendono i risultati a breve.  



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Attualità

Attualità

Attualità