QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PISA
Oggi 20°22° 
Domani 17°27° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
domenica 18 agosto 2019

Cronaca lunedì 09 giugno 2014 ore 16:15

Quattro anni per identificare 1.371 fiori

Tante le specie spontanee trovate dai ricercatori pisani insieme a quelli di Camerino



PISA — In Italia 1371 piante crescono spontaneamente. Almeno secondo i ricercatori delle universita' di Pisa e di Camerino, a Macerata, che hanno realizzato il primo censimento del settore per quanto riguarda il nostro Paese.

Capofila della ricerca, durata quattro anni, Lorenzo Peruzzi, ricercatore pisano, in collaborazione con Fabrizio Bartolucci e Fabio Conti, due botanici del Centro ricerche floristiche dell'Appennino, ente gestito dal Parco nazionale del Gran Sasso-Monti della Laga e dall'universita' di Camerino.

I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista internazionale Phytotaxa.

“Il censimento -spiega Peruzzi- ha messo in evidenza che quasi il 19 per cento della flora nazionale e' costituito da piante che crescono spontaneamente e oltre la meta' delle specie e sottospecie si trova nelle due principali isole, Sardegna e Sicilia, seguite in classifica da Calabria, Toscana e Abruzzo''.

Tra queste ci sono la pinguicola di Poldini tipica dell'Italia nord-orientale. Si tratta di una pianta carnivora, che si ciba di insetti, e che cattura le prede grazie alle sue foglie adesive, e il Lino di Katia che cresce solo sul Monte Manfriana, in Calabria.

''La conoscenza delle specie endemiche - conclude Peruzzi - e' indispensabile perchè la loro eventuale estinzione sarebbe sotto la piena responsabilità dell'Italia: lo studio rappresenta quindi un punto di partenza fondamentale per approfondire la conoscenza di queste piante sia dal punto di vista evolutivo che della conservazione''.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Cronaca

Attualità