QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PISA
Oggi 18°22° 
Domani 18°23° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
venerdì 20 settembre 2019

Attualità martedì 03 febbraio 2015 ore 16:40

La “versione” di Slow Food per nutrire il pianeta

Aspettando Expo 2015, ciclo di seminari promossi dalla Regione e dall'Istituto Dirpolis (Diritto, Politica, Sviluppo) della Scuola superiore Sant’Anna



PISA — Aspettando l’inaugurazione di Expo 2015 a Milano, l’Istituto Dirpolis (Diritto, Politica, Sviluppo) della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa e la Regione Toscana organizzano un ciclo di seminari sul cibo, in tutti i suoi aspetti: dalla valorizzazione dei prodotti tipici alla sicurezza alimentare.

In questo contesto, si colloca l’incontro del 5 febbraio (aula 3, inizio alle 14.30) con Raffaella Grana di Slow Food Toscana e con Roberto Burdese, presidente onorario di Slow Food Italia - Slow Food Nazionale.

“Nutrire il Pianeta: la versione di Slow Food” è il titolo del seminario, durante il quale condividere l’essenza dei tre principi di cui si fa portatore Slow Food per il cibo, (buono, pulito e giusto) e per capire meglio come essi rappresentino la via maestra per affrontare le più urgenti e le più difficili sfide globali, legate proprio all’alimentazione.

La lotta alla malnutrizione, il supporto all’agricoltura sostenibile e la tutela dell’ambiente, il rapporto tra cibo e salute sono alcuni temi su cui i relatori si soffermeranno nel seminario alla Scuola Superiore Sant’Anna, anticipando, secondo la definizione di Grana e di Burdese, l’interpretazione sul futuro del cibo”, di cui Slow Food si farà portatore all’Expo 2015.

I successivi appuntamenti con i seminari verso Expo 2015 analizzeranno ancora aspetti legati alla produzione, alla distribuzione e al consumo del cibo.

I titoli dei prossimi due incontri saranno “Verso la riduzione dei rifiuti alimentari: le regole del cibo ostacolo e soluzione nella lotta allo spreco alimentare”, con Pamela Lattanzi, docente all’Università di Macerata (12 febbraio, aula 3, alle 10) e “Il cibo di chi non lo ha”, con Gianni Rufini, direttore di Amnesty International Italia (19 febbraio, alle 11.30, aula 6). La partecipazione è aperta a tutti coloro che sono interessati, per ragioni di studio o per motivazioni personali, a seguire gli incontri.



Tag

Governo, Boschi: «Leopolda? Nulla da temere, sosteniamo l'esecutivo»

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Attualità

Attualità