QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PISA
Oggi 20°21° 
Domani 18°29° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
lunedì 19 agosto 2019

Attualità martedì 09 dicembre 2014 ore 12:20

Parco, al via il confronto con i Comuni

Organizzato un dibattito aperto anche alle autorità delle aree limitrofe a quella protetta per parlare del programma Mab.



CALCI — Ci sarà anche Calci alla riunione del Parco per affrontare i temi della pianificazione, del rapporto tra uomo e ambiente (al centro del programma Mab dell’Unesco) delle attività sportive sostenibili in programma per domani, mercoledì 10 dicembre nella sede dell’ente.

Convocato dal presidente Fabrizio Manfredi, l’incontro è infatti rivolto ai comuni i cui territori già fanno parte dell’area protetta e a quelli limitrofi. L’ente Parco apre così le sue porte, per la prima volta, ai comuni di Camaiore (trait d’union con il Parco regionale delle Alpi Apuane), Lucca e Capannori per quanto concerne l’area lucchese e versiliese, a quello di Calci nel pisano, e alle amministrazioni di Collesalvetti e Livorno, il cui territorio confina con le parti più a sud dell’area protetta.

Il primo punto all’ordine del giorno riguarda il raccordo tra la pianificazione urbanistica dei comuni e dell’area protetta, alla luce delle varie interconnessioni tra quest’ultima e il territorio circostante, anche esterno al suo perimetro: obiettivo è ricordare i risvolti positivi – anticipati anche nel corso del convegno “Parco protagonista del territorio”, che si era svolto all’inizio dell’anno – che possono scaturire da una programmazione più attenta alle peculiarità del Parco e alla sua posizione baricentrica nell’area della Toscana nord-occidentale, e quindi prendere consapevolezza e conoscenza del ruolo dell’area protetta e programmare gli strumenti di pianificazione in futuro tenendo conto di tali aspetti: "L’ambizione che abbiamo su questo fronte progettuale – spiega il presidente Manfredi – è compenetrare fortemente gli strumenti di pianificazione del Parco con quelli esterni (piani strutturali e regolamenti urbanistici dei comuni) e favorire così prospettive sempre più ampie (Piano strutturale dell’Area pisana, Piano strutturale versiliese, etc.) che abbiano i propri assi portanti attorno ai temi delle infrastrutture, delle connessioni e dell’accessibilità ai luoghi (piste ciclabili, ippovie, vie d’acqua) che a noi sono tanto cari. Sotto questo punto di vista l’interlocuzione tra il nostro Ente e i soggetti locali, che si spinga oltre i comuni già compresi nel Parco e comprenda quindi anche i comuni limitrofi, è essenziale".

Sul tema del programma Man (Man and biosphere), il comitato nazionale presieduto dal Ministero dell’ambiente ha apprezzato le intenzioni della proposta di candidatura dell’Ente Parco – dopo la firma di un apposito protocollo d’intesa a settembre di quest’anno – insieme alle amministrazioni comunali il cui territorio era già incluso dal 2004 nel perimetro della riserva (Pisa, Vecchiano, San Giuliano, Viareggio e Massarosa) e le new entry Calci e Collesalvetti. In occasione della revisione periodica decennale per il mantenimento dello status, è stata però avanzata la richiesta di una perimetrazione più coerente, che ad esempio non estrometta il crinale lucchese delle zone montuose e collinari esterne al Parco, anche se – come già precisato nelle settimane scorse – tali aree resteranno al di fuori dei confini del parco regionale resteranno e non sorgeranno nuovi vincoli di tipo giuridico o urbanistico. Per raggiungere l’obiettivo e predisporre una nuova istruttoria di più ampio respiro, è stata concessa una proroga di un anno rispetto alla scadenza inizialmente prevista, e nel frattempo il Parco potrà continuare a fregiarsi del titolo di “riserva MaB”.

L’ultimo punto all’ordine del giorno nella riunione del prossimo 10 dicembre affronterà il tema del “running” e della promozione di forme sostenibili di turismo sportivo. l’Ente Parco intende infatti favorire l’individuazione di percorsi di tal genere non solo sul suo territorio, ma anche in quello circostante: il comprensorio può infatti caratterizzarsi come area sempre più privilegiata per lo svolgimento eventi di tipo sostenibile che favoriscono un turismo sportivo, con risvolti anche in ambito internazionale.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Lavoro

Cronaca

Cronaca