QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PISA
Oggi 20°23° 
Domani 21°24° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
lunedì 16 settembre 2019

Lavoro venerdì 02 maggio 2014 ore 13:32

Persi 90mila stranieri e 16 milioni di euro in 5 anni

In provincia di Pisa i turisti hanno dormito 370mila notti in meno, 390mila in più a Siena. In Toscana cresce il turismo straniero, a Pisa no



PISA — Non solo i turisti stranieri sono meno. Ma si fermano meno giorni e spendono meno soldi in provincia di Pisa. 
Almeno secondo Banca d'Italia, che ha diffuso i dati per il 2013. Un dato negativo per la provincia di Pisa pari al -5%, in controtendenza rispetto alla media regionale (+4%) e ad alcune province toscane che invece fanno un deciso balzo in avanti. In particolare nel 2013 palma d'oro a Pistoia (+16%), seguita a ruota daSiena (+13%), mentre in lotta per il terzo posto troviamo Firenze (+9%) e Grosseto (+8%).
Nel 2013 sono stati 836mila i viaggiatori stranieri in provincia di Pisa, contro gli 840mila dell'anno precedente. Una sostanziale stabilità, che stride però con la crescita della media toscana (+7%). Il dato preoccupante è il trend di lungo periodo: dal 2009 al 2013 la Toscana ha guadagnato 1 milione e 172mila visitatori in più, con la sola Siena che ha registrato un incremento di oltre 400mila. Al contrario, negli ultimi 5 anni, Pisa ha perso ben 90mila visitatori stranieri.
Meno turisti, ma soprattutto meno spesa sul territorio provinciale. Nel 2013 gli stranieri in Toscana hanno speso 194 milioni di euro in più rispetto all'anno prima, 105 milioni dei quali nella sola provincia di Siena. Al contrario, Pisa, nel solo 2013 ha perso 16 milioni di euro, passando dai 271 milioni del 2012 ai 255 milioni di euro del 2013. Dal 2009 sono 24 i milioni di euro che i turisti stranieri non spendono più a Pisa e provincia.

Dato dolente anche per i pernottamenti (il numero delle notti trascorse dagli stranieri in provincia). Ammontano a 260mila notti in meno quelle trascorse a Pisa e provincia nel confronto con il 2012, con un balzo all'indietro dai 3 milioni e 589mila pernottamenti del 2012 ai 3 milioni e 330mila pernottamenti del 2013. I dati di Banca d'Italia dimostrano dal 2009 al 2013 un quasi perfetto travaso tra Pisa e Siena, con Siena che ha aumentato di 390mila pernottamenti in cinque anni e Pisa che ne ha persi 377mila nello stesso periodo.

“La Toscana, seppur lentamente, cresce sul turismo straniero - sottolinea Federico Pieragnoli, direttore ConfcommercioPisa -. Mentre Pisa continua a perdere posizioni. Segno che non tutto è colpa della crisi, ma del fatto che ci sono province capaci di attrarre nuovi turisti, rispetto ad altre meno efficaci. Il confronto con Siena è disarmante per Pisa: se nel 2009 Pisa contendeva la palma del secondo posto alla città del palio, a distanza di cinque anni Siena ci ha superato su ogni fronte, con l'emblema dei 400mila pernottamenti che sono passati da Pisa a Siena. Le riflessioni servono a poco, se non a dire una volta di più che, o cambia la mentalità e si costruisce finalmente una autentica strategia di attrazione, promozione e accoglienza turistica, oppure nei prossimi anni saremo costretti di nuovo a commentare dati negativi simili”.

“I dati di Banca d'Italia - aggiunge Francesco Voltini, presidente Confalberghi ConfcommercioPisa - confermano le performance negative della nostra provincia. Purtroppo, i dati che abbiamo a livello comunale sono ancora peggiori. Su tutti, paghiamo un sistema di accoglienza inadeguato, una aumentata percezione di insicurezza, scarsità di servizi, da quelli di trasporto ai servizi di informazione, pagando un gap importante e decisivo alla competizione internazionale”.

“Nonostante infrastrutture di eccellenza, penso all'aeroporto di Pisa - è la posizione di Maurizio Nardi, presidente Vivere Pisa -,  fatichiamo ad attrarre turisti stranieri sulla nostra provincia. Segno che non siamo efficaci come dovremmo, nonostante l'impegno che molti imprenditori mettono per cercare di rilanciare il settore. Nonostante tutto, resto ottimista, nel senso che le potenzialità per invertire questa tendenza ci sono tutte, si tratta adesso di metterle in pratica e di realizzarle”.



Tag

Ocean Viking, Di Maio: "Anche con precedente governo obiettivo era redistribuzione migranti in Ue"

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità