QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PISA
Oggi 20°33° 
Domani 20°32° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
mercoledì 24 agosto 2016

Attualità martedì 16 febbraio 2016 ore 13:30

Il design fra tecnica e moda

Ettore Sottsass, vasi a rocchetto

In occasione dell’uscita del romanzo a fumetti dedicato a Ettore Sottsass, l’università organizza due giornate in ricordo del famoso designer

PISA — L’Università di Pisa organizza due giornate dedicate a Ettore Sottsass, uno dei maggiori designer italiani del secolo scorso. L’iniziativa, che si svolgerà il 18 e il 19 febbraio, prende spunto dalla pubblicazione di “Ettore”, romanzo a fumetti di Massimo Giacon, pubblicato da 24 Ore Cultura. Giacon, designer lui stesso oltre che illustratore e autore di fumetti, è stato per anni collaboratore dello studio di Sottsass e nel suo volume ne racconta i punti salienti della carriera.

La prima giornata, dal titolo “Documentare Sottsass”, in programma venerdì 19 febbraio, alle ore 18.30, al Cinema Arsenale, ospita la presentazione di due brevi documentari, che includono interviste a Sottsass e riguardano la sua collaborazione con Olivetti e Poltronova. A introdurre i documentari ci saranno Massimo Giacon e Roberta Meloni, direttrice del Centro Studi Poltronova. Seguirà aperitivo.

La seconda giornata, dal titolo “Un Elea all’Ultrafragola: avventura grafiche di Ettore Sottsass”, si svolgerà presso il Museo degli strumenti per il calcolo sabato 20 febbraio a partire dalle 17 e, oltre a presentare il volume di Giacon, è scandita da interventi di approfondimento sul lavoro di Sottsass con relatori esperti del campo, fra i quali Elisabetta Mori e Francesca Balena Arista, docente a contratto di design al Politecnico di Milano. Seguirà aperitivo e visita guidata al Museo.

Attivo fin dal primo dopoguerra, nel corso degli anni Cinquanta Ettore Sottsass comincia due collaborazioni che ne segneranno la carriera. La prima è con Poltronova, azienda pistoiese di arredamento, della quale nel 1957 diventa art director. La seconda è del 1958, quando Olivetti lo affianca a Marcello Nizzoli nel design delle nuove macchine calcolatrici allora in produzione. Di queste ultime, la più importante è Elea 9003, il primo computer (assieme alla Cep, la calcolatrice elettronica pisana) progettato in Italia, per il design del quale vince il Compasso d’oro nel 1959.

Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Cronaca

Attualità