QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PISA
Oggi 22°23° 
Domani 23°26° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
sabato 24 agosto 2019

Cronaca lunedì 09 aprile 2018 ore 17:30

"Reati in lieve calo, fondamentale la prevenzione"

Il questore di Pisa, Paolo Rossi, con i suoi più stretti collaboratori

Così il questore Paolo Rossi tracciando un bilancio delle operazioni condotte nell'ultimo anno, in occasione della festa della Polizia di domani



PISA — Cogliendo l'occasione della festa della Polizia che ricorre domani, 10 aprile, giorno dell'entrata in vigore della legge 121 del 1981 che decretò la smilitarizzazione del corpo, il questore di Pisa Paolo Rossi ha tracciato un bilancio dell'ultimo anno delle attività di polizia, dal 1 aprile 2017 al 30 marzo 2018.

"Sono qui da tre mesi - ha esordito il questore - e devo ringraziare le persone che ho trovato, che mi hanno aiutato nello svolgere il mio ruolo di garante dell'ordine e della sicurezza pubblica e nel capire la città, perché devo ammettere che Pisa è una realtà non semplice, dinamica ed effervescente". "I dati, di per sé sterili - ha quindi aggiunto Rossi -, raccontano tuttavia di reati in lieve calo, mentre aumentano, rispetto all'anno precedente, le misure di prevenzione e le denunce. Segno che stiamo operando nel verso giusto, utilizzando tutti gli strumenti a nostra disposizione per garantire la sicurezza dei cittadini".

Per quanto riguarda i dati sulle attività di prevenzione e contrasto al crimine, stabile il numero di persone arrestate in un anno (201), in lieve aumento il numero di persone denunciate in stato di libertà (da 1243 a 1251), di misure di prevenzione irrogate (da 144 a 157), di controlli a persone sottoposte a misure cautelari (da 560 a 610), di avvisi (da 15 a 51), di fogli di via (da 110 a 135) e di provvedimenti di espulsione emessi (da 29 a 41). In calo, invece, i Daspo (da 19 a 4) e gli ammonimenti (da 12 a 10).

Questi, invece, i dati realitvi ai reati. Gli omicidi sono passati da 4 a 1, i tentati omicidi da 2 a 11, le lesioni dolose da 400 a 448, i furti da 13190 a 12973, le truffe e le frodi informatiche da 1057 a 979, i reati legati agli stupefacenti da 355 a 358, le rapine da 229 a 200, le truffe a danno di anziani da 202 a 117, le estorsioni da 54 a 37. I delitti accertati, in totale, sono scesi a 20097 dai 21016 dell'anno precedente.

"Significativo, ad esempio - ha sottolineato il questore - è il netto calo delle truffe agli anziani, segno che le azione di informazione e prevenzione portate avanti hanno dato i suoi buoni frutti. Sulle rapine il numero è stabile, ma voglio ricordare che è nettamente calato il numero di quelle con pistola e mitra in banca, mentre sono aumentate quelle di lieve entità".

Rossi, che passa dalla Stazione Centrale quattro volte al giorno, parla di una "situazione in via di miglioramento, comunque non peggiorata". In particolare il questore ha voluto sottolineare "la proficua collaborazione con carabinieri e guardia di finanza, così come con la polizia muncipale, che a Pisa non si limita a fare le multe", così come la collaborazione con le associazioni dei commercianti attraverso canali di comunicazione diretta.

"Per quanto riguarda l'emergenza spaccate a danno degli esercizi commerciali degli ultimi tempi - ha detto - l'attenzione resta massima, ma adesso due autori stanno dentro e questo tipo di reato è ritornato a numeri di ordine fisiologico". 

Soddisfazione, infine, per alcune operazioni condotte negli ultimi tempi. Fra queste l'arresto del presunto assassino dell'uomo trovato morto in pineta a Tirrenia, l'arresto di un rapinatore la sera stessa del giorno del crimine e, non ultimo, la gestione della calda fase pre-elettorale che ha visto il suo culmine nel comizio di Salvini a Pisa. "In quel caso - ha ricordato il questore - abbiamo messo in campo un dispositivo di sicurezza consono, garantendo il diritto di parola da un lato e il diritto di protestare dall'altro, intervenendo soltanto quando i contestatori hanno tentato di andare oltre e limitando al minimo i danni materiali e fisici".

Il questore Rossi ha voluto presentare e commentare i dati in compagnia dei suoi collaboratori più stretti: il vicario Gianni Triolo, il vice questore Paolo Pizzimenti, il vice commissario Carlo Stolfi e l'addetto stampa, amico di vecchia data, Massimo La Camera.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

Spettacoli

Attualità

Politica