QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PISA
Oggi 12° 
Domani 14° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
mercoledì 20 marzo 2019

Cronaca martedì 07 febbraio 2017 ore 14:30

13 colpi in due mesi, banda scatenata in manette

Tra maggio e giugno 2016 hanno commesso numerosi furti ai danni di attività commerciali. La indagini partire da una rapina in villa



CASCINA — Tra il 2015 e il 2016 hanno commesso 8 furti e ne hanno tentati altri sei a danni di attività commerciali di mezza Toscana. Stroncata dai carabinieri una banda di ladri composta da sette persone, ora denunciate per associazione a delinquere.

Le indagini sono iniziate dopo una rapina nella villa di due anziani coniugi di Pontedera, avvenuta nel novembre del 2015. I militari hanno intercettato alcune telefonate fatte dalla ex badante rumena dei due e scoperto che la donna intratteneva contatti con sei uomini che, grazie a successive intercettazioni e localizzazioni gps,i militari hanno appurato essere responsabili, a vario titolo, di numerosi furti avvenuti nelle province di Pisa, Livorno e Lucca tra il maggio e il giugno 2016.

Il curriculum a loro carico è pesante: Solo nel mese di maggio hanno tentato un furto in un'area sedi servizio in Fi-Pi-Li (vedi video allegato),  messo a segno un colpo da 11 mila euro in un'area di servizio a Navacchio  e in un negozio di bricolage a Pontedera, da dove sono fuggiti con un bottino di mille euro. Un nuovo tentativo di furto è andato in scena in un magazzino di materiale elettronico, sempre a Pontedera e nello stesso mese la banda ha colpito anche a Cecina, tentando un furto in un negozio di materiale elettronico.

A Calcinaia si sono introdotti in un bar rubando oltre 6mila euro, a Cascina hanno commesso un furto in profumeria portando via prodotti per oltre 14mila euro e tentato un colpo, sempre in una profumeria, sventato dall'intervento dei carabinieri.

I raid sono proseguiti anche nel mese di giugno 2016: a Pietrasanta hanno tentato un furto in un negozio di materiale elettronico, a Fucecchio hanno colpito un bar di una stazione di servizio asportando l'impianto di videosorveglianza, a Ponsacco hanno rubato 250 euro in un bar di un'area di servizio e, di nuovo a  Pontedera, hanno messo a segno un furto in un negozio di materiale elettronico fuggendo con un bottino di 10mila euro.

Quattro di loro sono stati arrestati in flagranza a Pontedera, dove i carabinieri hanno sventato un nuovo furto stavolta ai danni di un negozio Panorama.

Agli arresti hanno fatto seguito le perquisizioni domiciliari, dove i militari hanno rinvenuto la refurtiva del colpo commesso nella profumeria di Cascina avvenuto a fine maggio 2016. Ulteriori indagini hanno permesso poi di identificare altri due complici della banda ritenuti responsabili di un maxi furto in un bar di Barga, dove i malviventi hanno scassinato le slot machine per poi fuggire con oltre 15mila euro in contanti.

Alle luci dell'alba sono scattate le misure cautelari:

 Le intercettazioni e le localizzazioni Gps hanno infatti permesso ai carabinieri di delineare un nitido quadro accusatorio nei confronti di tre romeni di 30, 24 e 22 anni, residenti a Calcinaia e Cascina, per il reato di associazione per delinquere finalizzata al compimento di furti. Il sodalizio ha poi coinvolto, a vario titolo, un altro romeno di 34 anni, residente a Montecatini, sottoposto agli arresti domiciliari, che ha commesso con i tre diversi furti.

Obbligo di dimora invece per la badante romena di 23 anni e un marocchino di 36 anni, entrambi residenti a Cascina e per un romeno di 24 anni residente a Pontedera. 

Le misure cautelari nei confronti dei 7 soggetti sono state eseguite questa mattina dai carabinieri del nucleo investigativo di Pisa, che ha condotto le indagini, coadiuvati dai militari delle compagnie di Pisa, Pontedera, San Miniato e Montecatini, e dai cinofili del nucleo di San Rossore.

La refurtiva complessivamente recuperata, in fase di indagine e di esecuzione delle misure cautelari, ammonta a circa la metà rispetto al complessivo provento dei furti commessi. I militari sono infatti  riusciti a recuperare 26mila di refurtiva su un valore complessivo stimato di circa 61mila.

Tentato furto all'area di servizio in Fi-Pi-Li


Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Politica

Attualità

Cronaca