QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PISA
Oggi 17°23° 
Domani 17°20° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
domenica 26 maggio 2019

Cronaca venerdì 14 marzo 2014 ore 20:35

Compostaggio, l'impianto a Pontedera si farà

Via libera votato all'unanimità dai soci di Geofor



PISA — Il nuovo impianto di compostaggio a Pontedera si farà. C'era anche il sindaco di Pisa Filippeschi all'assemblea dei soci Geofor che, oggi, ha portato a casa un successo politico, quello di avere sciolto una questione annosa per tutta la provincia di Pisa.
L'assemblea dei soci ha votato all'unanimità il via libera alla realizzazione della struttura anaerobica e aerobica in grado di trattare 44mila tonnellate annue di rifiuti umidi, producendo compost e biogas. Una struttura d'avanguardia che costerà 17milioni di euro, ma che garantirà al territorio servito da Geofor, l'autosufficienza per lo smaltimento della frazione umida dei rifiuti a chilometri zero, permettendo il potenziamento della raccolta differenziata.
Un successo per Paolo Marconcini, presidente di Geofor. “Per me è una grande soddisfazione perché sono quattro anni che mi batto per fare questa struttura e ancora prima da sindaco avevano cercato di realizzarlo. Adesso con questo documento potremo andare in banca e accedere ai finanziamenti necessari per la realizzazione dell'opera e inoltre potremo contare sui quattro milioni e mezzo che abbiamo accantonato e sui quattro milioni che sono stati messi a disposizione dall'Ato. Essere riusciti ad avere il via libera su questo impianto in questo momento storico è una questione strategica in quanto la realizzazione potrà cominciare sotto la gestione Geofor e continuare con Ato Costa senza problemi. Questo per noi significa avere risparmiato almeno due anni”.

I numeri dell'impianto

Tratterà 44mila tonnellate annue di rifiuti organici producendo compost di qualità e gas da combustione. Alla fine l'operazione costerà circa 17milioni di euro e la posa della prima pietra avverrà entro sei mesi, poi serviranno 18mesi per la realizzazione. A finanziare l'opera per circa 9 milioni di euro saranno gli istituti di credito del territorio con una cordata capitanata dalla Cassa di Risparmio di san Miniato. L'impianto sorgerà a Gello nell'ambito del perimetro Geofor dove i rifiuti verranno trattati fino al completo riciclaggio. Infine da notare che l'impianto sarà perfettamente in linea con le ultime leggi in materia ambientale, ovvero sarà composto da una parte anaerobica e una parte aerobica”.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Cronaca

Cultura