QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PISA
Oggi 16°24° 
Domani 14°20° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
martedì 15 ottobre 2019

Sport giovedì 29 maggio 2014 ore 16:00

La curva non è in vendita e grida #comprateilPisa

Dopo la delusione di Frosinone i tifosi tornano a chiedere il cambio di proprietà. E si sfogano sui social network



PISA — Appena smaltita l'ennesima amarezza ai play-off, la tifoseria nerazzurra riparte e stavolta lo fa usando lo strumento moderno dei social network. Come nel caso di Bari, il tam tam sul web ha subito catturato l'attenzione del pubblico e nel giro di due giorni il gruppo Facebook comprate il Pisa ha raggiunto quasi 2.300 adesioni. La pagina, come scritto sul post di apertura, "è stata creata affinché l'interesse verso il Pisa e Pisa possa espandersi quanto più possibile e spingere chi si nutre delle stesse ambizioni di cui gode il popolo pisano ad investire su questa squadra, che ha una storia ma è priva di una società". 

Il post prosegue in modo molto chiaro: "In parole povere, siamo stufi dell'attuale presidente Carlo Battini che, oltre ad avere il braccino corto, non è ambizioso e considera la Lega Pro un punto di arrivo. Non chiediamo la luna ma almeno la serie B. Meritiamo di più". 

Non poteva mancare ovviamente l'hashtag su twitter #comprateilpisa. I tifosi vogliono coinvolgere tutto l'ambiente nerazzurro, nella speranza che qualcuno con idee concrete e un programma ambizioso bussi alla porta dell' Ac Pisa 1909. 

La curva nord da tempo ha preso posizione contro Battini e ha ribadito in un comunicato che senza programmi all'altezza non si va da nessuna parte e non si può sempre sperare di pescare la carta vincente ai play-off, va costruita una squadra che lotti per vincere il campionato. Prima però viene fatto un plauso a chi è sceso in campo con la maglia nerazzurra: "Ringraziamo la squadra per l’impegno e l’attaccamento dimostrato, per il raggiungimento dei play off e per aver lottato fino all’ultimo contro compagini ben più attrezzate di noi per conquistare l’ambita serie B". La Nord chiede anche una gestione diversa, con pochi giocatori in prestito, senza inseguire i contributi del minutaggio sugli under, e gente esperta per una categoria che la prossima stagione sarà resa ancora più difficile dai nuovi regolamenti. In conclusione: "Se l’attuale proprietà non può garantire a Pisa ciò che la piazza merita, e chiede con forza, è giusto che si faccia da parte".



Tag

Manovra, Bonetti: "Governo non cede su assegno unico per i figli, noi con le famiglie"

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Politica

Cronaca

Cronaca