QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PISA
Oggi 16°24° 
Domani 15°19° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
mercoledì 23 ottobre 2019

Attualità mercoledì 22 marzo 2017 ore 14:03

Il ministro Orlando e le bufale del web

Andrea Orlando

Il Guardasigilli terrà una conferenza sulle false notizie e l'odio in rete. Appuntamento al palazzo della Carovana di piazza dei Cavalieri



PISA — Il ministro della Giustizia Andrea Orlando è il prossimo ospite de I Venerdì della Normale. Orlando sarà a Pisa venerdì 24 marzo, per una conferenza sul tema delle false notizie e dell'odio in rete.

L'incontro, che si svolgerà nella sala azzurra del Palazzo della Carovana, inizierà alle 16,30.

Andrea Orlando, Guardasigilli nel governo Renzi e confermato nel governo Gentiloni, in questi anni si è più volte soffermato sul fenomeno delle notizie false in internet e sulla propaganda di odio che può generarsi in rete, evidenziando come “per il numero dei contenuti, per l’incertezza delle competenze, per l’indeterminatezza degli autori e infine per la velocità con la quale si diffondono a livello virale e permangono sul web, gli strumenti della giurisdizione da soli non riescono a far fronte all’insieme degli illeciti che si realizzano sulla rete”.

In Europa il tema è al centro di confronti tra le nazioni e i gestori delle varie piattaforme. Orlando analizzerà lo stato dell’arte della proliferazione di false notizie e dell’odio in rete, con aggiornamenti dal punto di vista delle contromisure necessarie per affrontare un problema sempre più dilagante: “Senza un patto tra stati e piattaforme saranno queste, come in parte si sta già avverando, a decidere cosa è e cosa non è corretto pubblicare. La censura si svilupperà per esigenze commerciali se la democrazia, se le democrazie non sapranno far vivere le loro regole anche nella rete”.



Tag

Permessi di soggiorno per i migranti, l'escamotage dell'orientamento sessuale

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Lavoro

Attualità