QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PISA
Oggi 12°13° 
Domani 12°18° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
venerdì 18 ottobre 2019

Cronaca giovedì 08 agosto 2019 ore 15:44

Oltre ottanta persone respinte alla frontiera

La polizia di frontiera tira le somme sulle attività svolte da maggio a luglio all'aeroporto di Pisa. Oltre un milione e mezzo di persone transitate



PISA — Con l'arrivo dell'estate l’Ufficio di polizia di frontiera aerea ha intensificato i controlli all'aeroporto di Pisa.

Dal mese di maggio a fine luglio, periodo nel quale sono transitate dallo scalo oltre un milione e mezzo di persone, sono state respinte alla frontiera, perché non in regola con i previsti requisiti per l’ ingresso regolare nel territorio dello Stato, 83 persone, in prevalenza di nazionalità albanese.

Nello stesso periodo, sono stati individuati e arrestati, in esecuzione di altrettanti provvedimenti restrittivi emessi dall’Autorità Giudiziaria, 4 cittadini stranieri, mentre altre due persone, marito e moglie, di nazionalità iraniana, che tentavano di imbarcarsi su un volo per il Regno Unito esibendo alla Guardia di Frontiera passaporti di nazionalità belga, sono stati tratti in arresto in flagranza del reato di possesso e fabbricazione di documenti di identificazione falsi, in quanto i passaporti esibiti alla Guardia di frontiera, dopo attento esame da parte degli operatori, sono risultati contraffatti. I documenti sono stati sequestrati ed i due sono stati giudicati con rito direttissimo dalla locale autorità giudiziaria.

Sono stati inoltre denunciati due cittadini di nazionalità turca, fratello e sorella, di etnia curda, che hanno tentato di imbarcarsi su un volo per il Regno Unito, esibendo passaporti con vignette visto inglesi risultate false, come accertato dalla Polizia di frontiera in collaborazione con gli Ufficiali di collegamento britannici. Anche in questo caso i documenti sono stati sequestrati ed i due stranieri denunciati per la violazione di cui all’art. 5 comma 8 bis del Testo Unico sull’Immigrazione. I predetti hanno successivamente formalizzato sul territorio nazionale richiesta di asilo.

Nel mese di luglio, è stato denunciato per i reati di resistenza a pubblico ufficiale e danneggiamento, un cittadino di nazionalità albanese di 25 anni, regolarmente soggiornante sul territorio italiano, in quanto, in preda ad un impeto d’ira presso i banchi di accettazione del volo diretto a Tirana, utilizzando un bastone di ferro divelto dalla propria valigia, ha distrutto alcuni strumenti elettronici al check-in, opponendo poi tenace resistenza agli Agenti intervenuti per calmarlo ed identificarlo.

Infine, a seguito della denuncia presentata dal titolare della ditta P.B.A, relativa al furto, avvenuto la notte del 23 luglio, di un Mercedes Sprinter  da un’area di parcheggio dell’ aeroporto, il personale in servizio, grazie ad un sistema GPS installato sul mezzo, ha rintracciato il veicolo in una strada di Verona. Gli immediati e tempestivi accertamenti svolti con la collaborazione con personale dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico della città veneta, hanno permesso di recuperare il mezzo e riaffidarlo al legittimo proprietario.

La polizia di frontiera aerea di Pisa proseguirà nell’attuazione del dispositivo di controllo e vigilanza, così rafforzato, fino al termine della stagione estiva.



Tag

Assenteisti a Catania: il badge timbrato da ragazzini ripresi in video, 48 indagati

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Attualità