Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:00 METEO:PISA13°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
giovedì 02 dicembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
La vicequestore no vax Nunzia Schilirò e la teoria del complotto: «Hanno rimosso un articolo dal web». Giletti la smentisce

Cronaca lunedì 10 febbraio 2014 ore 12:30

Bacino dell'Arno a rischio esondazioni e allagamenti

La comunicazione arriva dalla prefettura di Pisa che parla di criticità elevata



PROVINCIA DI PISA — "Per il bacino dell'Arno il rischio di alluvioni ed esondazioni da lunedì fino a mercoledì è elevato". Lo comunica la prefettura di Pisa dopo che il prefetto Francesco Tagliente ha presieduto la riunione del Centro Coordinamento Soccorsi (CCS).

I terreni sono saturi per le abbondanti piogge dei giorni scorsi: dall'inizio dell'anno è infatti piovuto il triplo rispetto alla media.

Ieri la sala operativa regionale ha comunicato che saranno possibili allagamenti e tracimazioni, con possibilità di erosione delle sponde, rottura degli argini e che l'acqua potrà sormontare passerelle e ponti e scorrere lungo le strade; potranno inoltre verificarsi frane e smottamenti nelle zone a maggior rischio idrogeologico.

Nel corso dell’incontro è emersa la necessità di monitorare tutti i canali e tenere sotto sorveglianza speciale l'Arno anche perché venerdì 31 gennaio, durante l'emergenza, il livello della piena è arrivato a 4,91m.

La riunione del Centro Coordinamento Soccorsi – reso operativo dalla prima allerta di ieri pomeriggio – risulta importante anche per valutare insieme le opere approntate, con il relativo stato di avanzamento

La convocazione del massimo organo di coordinamento delle attività di protezione civile in emergenza, a livello provinciale, composto dai responsabili di tutte le strutture che operano sul territorio, è stato concordato con Regione, Provincia e Comune di Pisa a seguito della nuova allerta meteo con avviso di criticità regionale “elevata” per rischio idrogeologico-idraulico nel bacino dell’Arno e “moderata” per il bacino del Serchio.

Alla riunione del CCS, oltre al Prefetto e ai Funzionari della Prefettura, hanno preso parte il Vice Sindaco di Pisa Paolo Ghezzi, il Direttore Generale della Provincia Giuliano Palagi, i Sindaci di Montopoli Val d’Arno Alessandra Vivaldi, di Vecchiano Giancarlo Lunardi, di Santa Croce sull’Arno Osvaldo Ciaponi, i Vice Sindaci di Cascina Giorgio Catelani e di Ponsacco Floriano Baldacci, il Consigliere di Vicopisano Nico Marchetti, gli Assessori di San Giuliano Terme Francesco Verdianelli e di San Miniato Maria Teresa Piampiani, il Comandante Provinciale dei Vigili del Fuoco Marco Frezza, i rappresentanti delle Forze e Corpi di Polizia, delle Forze Armate, della Capitaneria di Porto, della Soprintendenza per i Beni Architettonici, i rappresentanti del Centro Funzionale della Regione Toscana, dell’Autorità di Bacino del Fiume Arno, del Consorzio Fiumi e Fossi, i referenti della Protezione Civile provinciale e dei Comuni interessati, della Croce Rossa, della Pubblica Assistenza, delle Aziende USL, dei servizi 118, di ANAS, Enel e CCT.

Il CCS resterà, quindi, operativo sino a cessato allarme.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il tracciamento dei contagi aggiornato alle ultime ventiquattro ore e il punto sui ricoveri nelle aree Covid degli ospedali pisani
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità

Attualità