Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:30 METEO:PISA15°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
martedì 20 aprile 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Milano, le notti violente all'Arco della Pace

Attualità giovedì 09 ottobre 2014 ore 17:35

"Acqua fredda in cella, muffa e poco personale"

Il Don Bosco visto dal consigliere regionale Romanelli: "Il sovraffollamento dei detenuti è parzialmente diminuito"



PISA — "Assenza di acqua calda nelle celle e spesso anche nelle docce e umidità e muffa nei locali antistanti alle cucine: in generale una situazione di fatiscenza per un istituto che avrebbe bisogno assoluto d’interventi e lavori”. La descrive così, dopo la sua visita, la casa circondariale Don Bosco di Pisa il consigliere regionale di Sinistra Ecologia e Libertà Mauro Romanelli.

“Ieri mercoledì 8 ottobre - ammette -, ho svolto una visita ispettiva a sorpresa. Purtroppo ho dovuto riscontrare molte delle segnalazioni che già mi erano pervenute dai compagni radicali".

"Il sovraffollamento dei detenuti è parzialmente diminuito, anche per effetto delle nuove norme sulla custodia cautelare, ma ancora il personale è sotto organico: 194 unità a fronte delle 250 necessarie e spesso deve fronteggiare anche situazioni 'complicate' come la presenza di tre anziani psichiatrici autori di omicidio detenuti nell'area sanitaria”. 

“A Pisa solo il 10 per cento dei detenuti svolge saltuariamente qualche attività lavorativa: come si può minimamente ipotizzare un qualsiasi reinserimento sociale al termine della pena?”. 

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
In alcuni casi le varianti Covid resistono. Al professor Menichetti, direttore di Malattie infettive a Cisanello, abbiamo chiesto la situazione
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Cronaca

Cronaca