Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:21 METEO:PISA10°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
martedì 25 gennaio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Quirinale, il presidente della Camera Fico legge i risultati della prima giornata di votazioni

Attualità mercoledì 12 settembre 2018 ore 10:00

Cooperativa e Comune per la legalità a Corleone

Una delegazione composta da operatori e ospiti delle strutture Paim e cittadini di Calcinaia hanno visitato i territori confiscati alla mafia



CASCINA — Da anni, dopo un primo incontro fra il presidente dell'associazione Fior di Corleone Maurizio Pascucci e il presidente della Paim Giancarlo Freggia, la cooperativa sociale partecipa a campi di lavoro nei territori corleonesi, per sensibilizzare gli operatori e gli ospiti dei suoi servizi su temi della legalità, soprattutto nel campo del lavoro agricolo.

La prima occasione risale ormai a tre anni fa, quando Paim ha iniziato questo percorso affiancata dal Comune di Cascina. 

Lo scorso anno ha invece proseguito senza partecipazioni pubbliche, e quest’anno, con il Comune di Calcinaia, si è organizzato un doppio scambio: in una prima fase, una delegazione corleonese è stata in visita a Pisa in giugno, per visitare alcune realtà locali. Qualche giorno fa, dal 31 agosto all’8 settembre, sono 18 persone quelle partite da Pisa alla volta di Corleone: quattro ospiti della Casa Famiglia di Marciana, quattro del Borgo dei Colori di Lorenzana, tre operatori “storici” Paim – Anna Batini, Fabrizio Damiani, Massimiliano Prior - e 7 persone del Comune di Calcinaia, tra cui il Consigliere Yassine El Ghlid. Si tratta, quindi, un gemellaggio a tre: Paim Cooperativa Sociale, Comune di Calcinaia, Associazione Fior di Corleone con i produttori locali.

La delegazione toscana ha incontrato Pippo Cipriano, già sindaco di Corleone dal 1993 al 2002, Dino Paternostro e Nando dalla Chiesa che hanno rievocato le lotte dei contadini siciliani e raccontato di come è cambiato il movimento mafioso. I ragazzi hanno poi visitato Corleone e, in gruppi, aiutato a “ripulire” dalle erbacce i campini - dove giocano i ragazzini del territorio - della Parrocchia di San Leoluca (dove sono stati ospiti). Hanno raccolto i pomodori con i quali hanno poi preparato la passata per le opere della Parrocchia, ascoltando attenti le parole di Don Luca che raccontava le storie delle persone che abitano a Corleone e della mafia.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Dal bollettino regionale i dati che fotografano l'andamento dell'epidemia nelle ultime ventiquattro ore. Altri due decessi in provincia di Pisa
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Chi mette al centro la persona

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Attualità