Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 08:30 METEO:PISA13°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
martedì 28 novembre 2023
Tutti i titoli:
corriere tv
Repossi, il gioielliere delle principesse: «Incontrai Diana in segreto pochi giorni prima della tragedia»

Cronaca mercoledì 17 maggio 2023 ore 19:00

L'immobile confiscato consegnato al Comune

Sequestrato alla criminalità organizzata, sarà destinato all'emergenza abitativa o all'edilizia residenziale pubblica



CASCINA — Un immobile confiscato alla criminalità organizzata è entrato a far parte del patrimonio comunale e, dopo un intervento di manutenzione straordinaria, sarà destinato all'emergenza abitativa o all'edilizia residenziale pubblica

Il passaggio dell'edificio al Comune di Cascina è stato ufficializzato oggi, durante un incontro al quale hanno preso parte anche gli studenti di una terza classe del liceo sportivo Pesenti.

Presenti il sindaco Michelangelo Betti, l’assessore regionale alle Politiche per la sicurezza e cultura della legalità Stefano Ciuoffo e il prefetto Maria Luisa d'Alessandro, insieme ai rappresentanti delle altre istituzioni e delle forze dell’ordine che hanno partecipato al lungo iter che ha portato al sequestro e alla confisca del bene con decreto del 2015, emesso in seguito a una sentenza di condanna della Corte di Appello di Reggio Calabria nel 2013.

“Presentiamo l’atto conclusivo di un iter importante per il nostro Comune e la nostra comunità – ha detto il sindaco Betti – con un immobile sequestrato alla criminalità organizzata e che entra a far parte del patrimonio del Comune. Grazie all’attività posta in essere dalla prefettura di Pisa e dalle forze dell’ordine, siamo potuti arrivare a questo passaggio per noi importante: avremo uno spazio in più da destinare all’emergenza abitativa in un periodo storico molto difficile tra Covid, guerra, inflazione e caro bollette che ha portato a un aumento degli sfratti. Avere uno spazio in più da destinare a fini sociali ci aiuta a ridurre forme di disagio sociale”.

Tutto è partito da una richiesta della procura di Reggio Calabria alla Guardia di Finanza di Pisa per un controllo sullo stato patrimoniale di un soggetto, non corrispondente alla sua situazione economica. Da queste indagini sono emersi illeciti riconducibili alla criminalità organizzata. "Le procedure - ha spiegato il prefetto - sono state lunghe perché il nostro Stato tutela i diritti di tutti, anche di chi si deve difendere. Sono felicissima che siano state invitate le scuole a questo evento, perché è ai giovani che dobbiamo rivolgerci. E sono particolarmente orgogliosa delle istituzioni dello Stato, di come si muovono la Polizia di Stato, l’Arma dei Carabinieri, il comando della Guardia di Finanza, quello dei Vigili del Fuoco: per essere forti e perseguire il bene pubblico, dobbiamo essere convinti che non siamo soli”

“In Toscana - ha aggiunto Ciuoffo- abbiamo un compito importante: restituire alle comunità ciò che la malavita organizzata le sottrae con mille percorsi. Un compito difficile per i modi in cui agiscono le mafie, che non usano più il linguaggio delle stragi ma si insinua e si interseca con il sistema economico. I risultati sono raggiungibili se la risposta dello Stato è complessiva grazie alla collaborazione delle istituzioni. Ringrazio il sindaco Betti e la sua giunta per il coraggio dimostrato nell’accollarsi questo bene, che spesso porta più problemi che benefici per un’amministrazione: valorizziamo questi immobili e facciamocene carico, non dobbiamo permettere che un bene sequestrato alla mafia venga abbandonato al degrado. Deve passare il messaggio della forza della legalità, come stiamo facendo con l’azienda agricola Suvignano”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Condannati per violenza sessuale su minore e per furto, i due sono stati individuati dalla polizia di frontiera nello scalo pisano
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Riccardo Ferrucci

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Cronaca