Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:30 METEO:PISA21°32°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
sabato 31 luglio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Simona Quadarella: «Non proprio come sognavo, ma volevo una medaglia. Il mio voto? Un bel 9»

Attualità mercoledì 31 agosto 2016 ore 12:00

Riapre la caccia, rischi per tortora e allodola

La denuncia di Lipu che lamenta anche la mancanza o le carenze dei piani faunistici regionali: "Temiamo vere e proprie stragi anche in Toscana"



SANTA LUCE — Si comincia a sparare e Lipu avverte per i rischi che corrono specie in netto declino come la tortora selvatica e l'allodola, soprattutto in Toscana.

La Lega italiana protezione uccelli, che ha in gestione anche la Riserva naturale dell'oasi a Santa Luce, denuncia anche la mancanza o le gravi carenze dei piani faunistici regionali.

"C’è una situazione di illegalità generale, di caos gestionale e gravi ritardi – afferma Fulvio Mamone Capria, presidente Lipu – che provoca danni al patrimonio faunistico e ambientale italiano ancora non del tutto calcolabili.Una situazione non più tollerabile, sulla quale potrebbero esserci conseguenze per il nostro Paese, sottoposto a indagine da parte della Commissione europea”.

I calendari venatori prevedono la caccia in preapertura per 12 specie di uccelli, e in quasi tutti compare la tortora selvatica, specie che migra a sud del Sahara e che risulta in netto declino a causa della pressione venatoria e della distruzione degli habitat: il suo stato di conservazione italiano (studio Lipu-Ministero Ambiente) è definito “inadeguato”, in Lista rossa europea è classificata “Vulnerabile”.

“Temiamo vere e proprie stragi di tortora selvatica, specialmente in Toscana, Lazio, Basilicata, Calabria e Campania – prosegue il presidente Lipu – Una situazione aggravata, in tutta Italia, dalla mancanza di controlli sui carnieri che porterà all’uccisione di un numero di capi ben superiore ai limiti stabiliti dai calendari venatori, di per sé eccessivi nei confronti di una specie in declino. E poi c’è il problema dell’allodola, specie che andrebbe immediatamente esclusa dalla lista delle cacciabili e per la quale la Lipu ha lanciato una specifica campagna”.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Una drammatica verità venuta alla luce con la comparazione del Dna. Il cadavere trovato nelle campagne di Orzignano è di Francesco Pantaleo
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Spettacoli

Attualità

Cronaca

Cronaca