Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 10:40 METEO:PISA20°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
giovedì 28 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Casellati contro Santangelo (M5S): «Lei è un grande maleducato, io l'ammonisco

Attualità sabato 11 ottobre 2014 ore 09:05

Cittadella della Solidarietà, aiuto ai bisognosi

Donati all'Emporio Caritas, 50 pacchi alimentari dall'associazione Palmerino. E nei giorni 11 e 12, raccolta straordinaria alla Coop di Porta a Mare



PISA — L’associazione Palmerino Country Sound ha deciso di donare una parte dei proventi della Sagra del Pesce alla Cittadella della Solidarietà, l’emporio Caritas che raccoglie le donazioni di supermercati e privati e le ridistribuisce cercando di dare a seconda del bisogno.

In particolare l’associazione consegna oggi 50 pacchi alimentari con pasta, marmellata, fagioli, pomodori pelati, latte e pan carrè.

“Quando organizziamo i nostri eventi cerchiamo di pensare anche a chi sta peggio – dice il presidente dell’Associazione Massimo Giaconi – questa iniziativa è un punto di partenza di un rapporto che vogliamo continuare”.

“La solidarietà è il primo antidoto alla crisi – commenta Don Morelli, presidente di Caritas Pisa – purtroppo cresce il bisogno, ma cresce anche la catena degli aiuti”.

E tutti possono contribuire: sabato 11 e domenica 12 ottobre raccolta straordinaria alla Coop di Porta a Mare. Chi vuole può donare, in particolar modo servono: olio di oliva e di semi, latte a lunga conservazione, farina e biscotti, tonno e carne in scatola.

Aperto l’anno scorso, all’emporio della solidarietà, vengono distribuiti cibo e vestiti a 215 famiglie bisognose e a 25 enti (come le mense dei poveri).

“Nel 30-35% di queste famiglie i componenti sono disoccupati, il 15% ha redditi annui inferiori ai 2mila euro e il 30% ha redditi annui tra i 2mila e i 4mila euro, nei restanti casi i redditi sono di poco superiori ai 4mila euro annui – informa la Caritas, dell’arcidiocesi di Pisa –. La metà di queste famiglie sono italiane. La composizione: 100 sono piccoli nuclei familiari, 71 sono famiglie medie (2-3 figli) e 44 sono famiglie numerose”.

La Cittadella della Solidarietà funziona così. Le persone accedono su segnalazione dei servizi sociali, dei centri di ascolto parrocchiali e delle associazioni distribuiti sul territorio. Un’apposita commissione valuta i casi e a seconda del reddito e del numero di persone nel nucleo familiare vengono assegnati dei punti che vengono caricati nella carte della Cittadella della Solidarietà. I punti sono spendibili per acquistare i vari prodotti e vengono ricaricati ogni mese fino ad un massimo di sei perché l’obiettivo è puntare all’emancipazione dal bisogno.

“La Cittadella della Solidarietà è una scommessa contro l’egoismo e per la condivisione – conclude Sandra Capuzzi, presidente della Società della Salute – se siamo tutti insieme, le difficoltà si possono superare”.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Un servizio da anni sperato e invocato dai residenti del litorale. Il cantiere, partito in questi giorni, dovrebbe durare 6 mesi
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nadio Stronchi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Attualità