Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 06:30 METEO:PISA11°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
venerdì 03 dicembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Il discorso di Merkel alla cerimonia di fine mandato: «Guardate sempre il mondo con gli occhi degli altri»

Lavoro martedì 01 aprile 2014 ore 20:10

Crisi, 2013 in perdita per tutti i comparti tranne il manifatturiero

Crollano costruzioni e metalmeccanica. "Gli incentivi alle ristrutturazioni non hanno aiutato chi i soldi non li ha. E neppure un lavoro"



PISA — “Gli incentivi del governo hanno aiutato, ma nella misura in cui hanno chiuso 90 aziende invece che 100. Le aziende che fanno quadrare i conti, ora, sono solo quelle che hanno licenziato, quelle che avevano pochi addetti e che ora sono imprese individuali, quelle che costruivano e ora fanno piccole ristrutturazioni. D'altra parte chi ha perso il lavoro o vive di sussidi fa lavori solo necessari”. Sembrano non lasciare scampo questa crisi e questa burocrazie al comparto costruzioni della provincia di Pisa.

Chiudono con un segno -, secondo i dati raccolti tra le aziende iscritte a Cna ma sulla base di bilanci reali (non di previsione o campioni casuali), tutti i comparti a eccezione del manifatturiero. Evidenti sono soprattutto i risultati delle Costruzioni, macro-settore principale da molti anni nell’economia pisana, che non accenna a dare segni positivi ma che, al contrario, evidenzia una dinamica di medio-lungo periodo marcatamente discendente.

Il primo semestre 2013 costituisce per l’artigianato pisano un periodo difficile soprattutto nei settori più importanti e trainanti a livello locale: costruzioni e metalmeccanica. La dinamica negativa di questi due settori, pur comprensiva in un periodo di difficoltà, pone un interrogativo importante rispetto allo stato di salute dell’artigianato locale.

Il confronto con gli indici generali a livello regionale, in particolare i ricavi e le retribuzioni, evidenzia ancor di più forti criticità. La dinamica negativa delle retribuzioni, testimonia poi le difficoltà occupazionali e produttive che in questo momento affliggono l’artigianato locale. Vi sono alcuni settori importanti che chiudono tuttavia in crescita il primo semestre 2013 nello specifico la pelle, i trasporti, il legno.
Entrando nel dettaglio delle cifre dell’artigianato pisano, 267,7 milioni di euro è il fatturato del primo semestre 2013 che risulta inferiore di oltre 11 punti percentuali rispetto a quanto realizzato nel primo semestre 2012. Una diminuzione percentualmente più marcata rispetto al risultato regionale (-1%).

Parallelamente a questo, si riducono anche le retribuzioni (-19,2%) mentre chiudono con un segno + i consumi (+0,5%). Emerge dunque una difficoltà relativa alla tenuta dei livelli occupazionali e produttivi: il risultato in ambito locale è opposto rispetto all’andamento regionale (+7,7%) mentre si attestano su percentuali simili i consumi (+0,4%).

A livello macro settoriale si osserva una dinamica negativa per quanto riguarda le Costruzioni che registrano un -22% con risultati opposti rispetto all’andamento regionale che si attesta su un +2,3%. Cresce di poco il Manifatturiero (+1,1%), contrariamente al risultato regionale (-2,1%), soprattutto grazie al contributo di legno, pelle e alimentare. 


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il bollettino sanitario fotografa la situazione sul fronte epidemico. Ecco la distribuzione delle nuove positività in provincia di Pisa
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Politica

Politica