QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PISA
Oggi 24°28° 
Domani 24°29° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
mercoledì 26 giugno 2019

Attualità mercoledì 15 febbraio 2017 ore 18:11

Carismi, Cariparma non è interessata

Dalla banca emiliana no comment sulla trattativa. Fonti vicine spiegano che la maxi operazione pensata dall'istituto non è percorribile



SAN MINIATO — Acquistare in un sol colpo Carismi, Cassa di risparmio di Rimini, Carife e Cassa di risparmio di Cesena. L'obiettivo di Credit Agricole Cariparma è molto ambizioso ma, sembrerebbe, piuttosto impercorribile. Soprattutto per i crediti deteriorati che le quattro banche hanno accumulato e che sono nell'ordine di centinaia di milioni di euro, cifra per la quale Credit Agricole chiede la garanzia del fondo interbancario, creando un imbarazzo al sistema bancario.

Abbiamo contattato Cariparma per chiedere a che punto è la trattativa per l'acquisizione di Carismi. Ieri da Palazzo Formichini era filtrata la notizia che Cariparma fosse interessata alla banca del cuoio ma che fosse più indietro rispetto al fondo assicurativo Barent's e alla cordata De Bustis.

L'ufficio stampa di Cariparma si è trincerato dietro il più classico dei "no comment" e fonti vicine alla banca parmense spiegano che l'acquisizione di Carismi non sarebbe all'ordine del giorno e l'interesse sarebbe tutt'altro che concreto. Visione opposta, dunque, a quella uscita da Carismi e a quella spiegata ai sindacati nell'incontro di ieri. Come detto all'inizio, l'operazione ipotizzata da Cariparma sarebbe impercorribile a causa dell'esborso messo a garanzia di Npl.

Ma a che punto è la situazione della vendita di Carismi se Cariparma non è della partita? Ci sono due offerte, una da parte di Barent's, animata dal finanziere Jean-Claude Chalhoub, l'altra della cordata De Bustis. Entrambe non sono ancora vincolanti. L'ostacolo incontrato da Barent's sarebbe quello del ricorso al Fig per una cifra di 50 milioni. Capitali che gli anglo panamensi vorrebbero a fondo perduto.

Un altro scenario da non escludere è l'acquisto della banca del cuoio da parte del fondo interbancario di garanzia. Una scelta logica che metterebbe in sicurezza Carismi, in attesa, anche per qualche anno, di un'offerta dal mercato soddisfacente.

René Pierotti
© Riproduzione riservata



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Politica

Cronaca

Attualità