Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:30 METEO:PISA21°32°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
sabato 31 luglio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Crolla a peso morto alle parallele: Simon Biles spiega i «twisties» con un video su Instagram

Attualità sabato 02 maggio 2015 ore 09:25

Emergenza in sala parto, simulazioni all'Aoup

Una serie di incontri teorico-pratici rivolti ai medici specialisti e non, e a ostetriche, organizzati nel Centro di formazione e simulazione Nina



PISA — “Emergenza in sala parto”, è stato il primo di una serie di incontri teorico-pratici rivolti ai medici specialisti e non, e a ostetriche, organizzato nel Centro di formazione e simulazione Nina diretto dal neonatologo Armando Cuttano e coadiuvato, per la parte ostetrico-ginecologica, dal ginecologo Paolo Mannella e dall’ostetrica Lara Principato.

I primi discenti sono stati gli allievi della Scuola di specializzazione in Ginecologia e ostetricia dell’Università di Pisa, diretta dal professor Nicola Cappelli, che si sono prestati a simulare una delle esperienze più drammatiche che si possano verificare in sala parto, cioè la distocia di spalla. Grazie all’utilizzo di un simulatore ad alta fedeltà, SimMom, rinominato “Eva”, è stato possibile non solo ricostruire, come situazione reale, l’evento, saggiando le abilità tecniche dei discenti ma anche e soprattutto testare la risposta emotiva e operativa (nella scelta decisionale) degli specializzandi a fronte di eventi imprevisti (emorragie massive, alterazioni di coscienza materna, alterazioni delle contrazioni uterine della madre con la necessità di rivalutare l’ordine delle priorità e delle azioni da fare). Il grado di pathos e il coinvolgimento emozionale di questo tipo di simulazioni rendono particolarmente importante l’approccio, potendo ricreare le situazioni più drammatiche che possono complicare il travaglio fisiologico. Il Centro Nina, per la sua ubicazione – limitrofa alle sale parto e alla terapia intensiva neonatale – il disegno, la dotazione e vocazione, resta un’esperienza unica nello scenario nazionale.
Attività formative, a vari livelli, saranno progettate e realizzate ad hoc anche per i medici dell’emergenza e del 118, che sempre più spesso devono confrontarsi con l’evento parto con mamma e neonato, nel posto e nel momento sbagliato.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Una drammatica verità venuta alla luce con la comparazione del Dna. Il cadavere trovato nelle campagne di Orzignano è di Francesco Pantaleo
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

Attualità

Spettacoli

Attualità