Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:09 METEO:PISA9°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
sabato 22 gennaio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Diana, l'arbitro vittima di revenge porn: «Sui social i miei video privati, è un porcile, aiutatemi»

Cronaca lunedì 28 aprile 2014 ore 14:30

"I cancelli anti-movida per spostare il problema di qualche metro"

ConfcommercioPisa chiede sicurezza. Ma "La città non deve alzare le mani e proclamare il proprio fallimento con una sorta di riserva indiana"



PISA — "Lavoriamo tutti i giorni per una città che abbia più servizi, più parcheggi e meno Ztl, bagni pubblici e decoro, infopoint e cartelli turistici, shopping e passeggiate. Lavoriamo per una città accogliente, pulita, ordinata, aperta alle famiglie e ai bambini, dove chiese, musei, biblioteche, teatri siano aperti anche nei giorni di svago e di festa. Una città che vive e che viene vissuta da tutti, nel rispetto delle regole e della legalità".
Per questo ConfcommercioPisa respinge l'idea di chiudere con dei cancelli le zone della movida pisana.
"Non consideriamo - spiegano la presidente e il vice Federica Grassini e Alessandro Trolese - la parola movida come denigratoria, ma come una modalità positiva di socializzazione, dove l'unica vera distinzione è tra coloro che si vogliono divertire nel rispetto degli altri e delle regole e una minoranza, che quelle regole non le rispetta.

La sicurezza è un diritto, che va garantito a chi abita in centro e a chi abita in periferia, a chi è residente, commerciante, turista, studente. La sicurezza è un dovere che le autorità, a partire dal sindaco, debbono perseguire con tenacia e determinazione, concentrando e utilizzando tutti gli strumenti e le risorse, umane ed economiche, che la legge mette loro a disposizione. Noi imprenditori siamo i primi a dare il nostro contributo per una migliore convivenza civile”.
Secondo ConfcommercioPisa, "La nostra città non deve alzare le mani, arrendersi, proclamare il proprio fallimento e innalzare inutili cancellate nei vicoli del centro storico, una sorta di riserva indiana dove proteggere illusoriamente cittadini e commercianti dal degrado e dalla microcriminalità.

Questa dei cancelli anti-movida è davvero una proposta inaccettabile, tanto più per una città turistica come Pisa, che avrebbe il solo effetto di certificare al mondo la nostra assoluta impotenza a gestire l'ordine pubblico.

Spostare un problema di qualche metro, da una strada a un'altra, è forse risolverlo? Indirizzare tossici e sbandati dal vicolo alla piazza è una soluzione migliore e più efficace? Certo, se anche i cancelli non dovessero poi bastare, si potrebbe ricorrere al filo spinato di Rio De Janeiro e Joannesburg, sperando che in questo caso il rimedio sia efficace.

Non stiamo parlando dell'interesse privato di qualche residente, ma parliamo di Pisa, città rinomata nel mondo, che aspira a riconoscimenti internazionali. Si può parlare di Unesco, di patrimonio dell'umanità, per una città costellata di zone off limits, costruita intorno ad un mosaico di piccole corti private, chiuse a chiave e difese da cancelli? Oggi i vicoli e domani le piazze, perché no? Presto, chiunque si riterrebbe in diritto di proteggere e blindare il luogo in cui vive, sia vicolo, strada, piazza, trasformandolo magari in un comodo parcheggio privato". 


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Ore di apprensione e ricerche per la scomparsa di un dipendente pubblico che non ha fatto ritorno a casa. In campo anche le unità cinofile
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Sport

Cronaca

Cronaca