Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:23 METEO:PISA11°19°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
lunedì 25 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Emissioni di CO2: l'impatto di internet, cloud e streaming sul riscaldamento globale e come ci ingannano i big del web

Cronaca lunedì 07 aprile 2014 ore 17:05

Il dolore si controlla da chip

Primo trapianto d'Italia oggi a Pisa​ di un microstimolatore sotto pelle per il controllo del dolore cronico nei pazienti che non rispondono farmaci



PISA — Un microstimolatore da applicare sotto pelle per il controllo del dolore cronico nei pazienti che non rispondono ad alcun farmaco e ad alcuna terapia.
Il primo trapianto di questo chip è stato effettuato oggi a Pisa, all’ospedale Santa Chiara, nell’Unità operativa di Terapia del dolore dell’Aoup diretta da. Paolo Poli.
Il microstimolatore iniettabile è frutto di una stretta collaborazione con i bioingegneri che hanno messo a punto l’innovativo sistema nei laboratori di ricerca della California.
“Le applicazioni delle biotecnologie e nanotecnologie in campo sanitario – dichiara Giuliano De Carolis, che ha effettuato l’impianto - stanno producendo un grande impegno verso la miniaturizzazione dei dispositivi attualmente in uso per il controllo del dolore e il miglioramento delle loro performance. Il sistema di microstimolazione che abbiamo impiantato è costituito da un microfilo del diametro di circa 1 millimetro e della lunghezza di circa 10 centimetri che contiene al suo interno un microchip in grado di decodificare i comandi trasmessi dall’esterno con sistema wireless e di commutarli in segnali elettrici da rinviare direttamente ai nervi e ai tessuti biologici. La particolarità dell’innovativo sistema è che i nuovi microstimolatori sono molto piccoli e sfruttando la tecnologia wireless possono essere impiantati senza la necessità di fili di connessione e batterie interne, come invece avviene con i tradizionali neuro stimolatori. I microstimolatori iniettabili, inoltre, vengono posizionati con anestesia locale tramite un apposito ago senza la necessità di procedure chirurgiche invasive. Questo ovviamente riduce drasticamente le possibili complicanze operatorie nonché i tempi di procedura e i relativi costi economici, offrendo anche la possibilità di impianto a quei pazienti che, per diversi fattori di rischio, non potrebbero essere sottoposti a una procedura chirurgica per il posizionamento di uno stimolatore di tipo tradizionale”.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Previsto un momento pubblico di raccoglimento e ricordo, per salutare la dottoressa e assessora comunale scomparsa a 49 anni
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alfredo De Girolamo e Enrico Catassi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Attualità