Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:00 METEO:PISA20°27°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
lunedì 21 giugno 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Italia-Galles: la giornalista Rai del Tg1 travolta dall'entusiasmo dei tifosi

Attualità mercoledì 02 settembre 2015 ore 12:33

Lega nel mirino. Ceccardi: "Non è un caso isolato"

Due settimane fa qualcuno ha lanciato uova marce sulla facciata dell'attuale sede in via Cattaneo. La consigliera: "Clima di odio e intolleranza"



PISA — "Quanto successo alla vecchia sede della lega nord dimostra che il clima di odio e intolleranza politica verso i leghisti è ancora forte". La consigliera comunale di Lega Nord per il Comune di Cascina Susanna Ceccardi commenta il lancio della bomba molotov contro l'ex sede del partito.

Ma non sarebbe la prima volta che la Lega finisce nel mirino dei vandali. Due settimane fa qualcuno ha lanciato uova marce sulla facciata dell'attuale sede in via Cattaneo. "Non avevamo segnalato la cosa pensando che fosse un episodio isolato -spiega Ceccardi- ma l'attentato di ieri dimostra che il clima è incandescente".

La giovane leghista non si dà per vinta: "Continueremo l'attività più determinati di prima perché non vogliamo e non possiamo permettere che la violenza prevalga sulle idee. Ci aspettiamo una solidarietà unanime da tutte le forze politiche, in particolare quelle di sinistra. Al di là delle singole posizioni, obiettivo comune deve essere quello del pacifico confronto e della salvaguardia dei principi democratici".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L'episodio segnalato riporta l'attenzione su un problema da anni sollevato dai residenti a I Passi. Passaggio a livello che resterà chiuso 15 ore
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Libero Venturi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Lavoro

CORONAVIRUS

Cronaca