Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:00 METEO:PISA12°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
lunedì 17 gennaio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Scuola, Bianchi: «Vaccino obbligatorio per la tutela di tutti»

Attualità giovedì 18 giugno 2015 ore 12:00

L'informatica pisana premiata in California

Luigi Rizzo

Luigi Rizzo e Giuseppe Lettieri del dipartimento di Ingegneria dell’Informazione hanno ricevuto il Best Paper Award alla conferenza Sosr



PISA — Per l’informatica pisana arriva un prestigioso riconoscimento internazionale. 

Il professor Luigi Rizzo e il ricercatore Giuseppe Lettieri del dipartimento di Ingegneria dell’Informazione dell’Università di Pisa hanno ricevuto il Best Paper Award, premio per il miglior lavoro scientifico, alla conferenza Acm Sigcomm Symposium on Sdn Research (SOSR), che si è tenuta a Santa Clara, in California, per il lavoro “mSwitch: A Highly-Scalable, Modular Software Switch” sviluppato in collaborazione con ricercatori di Nec e NetApp

mSwitch è un “software switch”, ovvero un programma che permette la comunicazione tra “macchine virtuali”, i sistemi che realizzano una gran parte dei servizi Internet.

“Già nel 2012 avevamo sviluppato un software switch chiamato VALE, tutto pisano, e operante con una velocità ed efficienza fino a dieci volte superiore rispetto a sistemi analoghi – spiega Rizzo – mSwitch estende "Vale" rendendolo ancora più veloce e versatile”. mSwitch e Vale sono parte dell’architettura “netmap”, una soluzione ideata e sviluppata da Rizzo e Lettieri a partire dal 2011 proprio per rispondere alle esigenze di comunicazione su reti a 10 gigabit e oltre. L’architettura netmap ha riscosso un grandissimo interesse sia nel mondo della ricerca che in quello industriale, ricevendo un altro best paper award alla conferenza Usenix ATC 2012, accumulando oltre duecento citazioni e raccogliendo finanziamenti per oltre 400.000 euro negli ultimi quattro anni.

"Da oltre venti anni distribuiamo i risultati delle nostre ricerche come software open source – aggiunge Rizzo - La qualità del nostro software è molto apprezzata, tanto che esso fa parte di numerosi sistemi operativi (FreeBSD, Linux, Apple OSX), oltre che essere usato in prodotti commerciali. Il ritorno di questa scelta è molto forte, sia per il mio gruppo che per l’Ateneo pisano. Oltre ai risultati economici la reputazione che abbiamo guadagnato ci ha fornito numerose occasioni di collaborazioni internazionali, in particolare con università e centri di ricerca della Silicon Valley. Diversi nostri laureati hanno usato l'esperienza maturata in queste ricerche come trampolino di lancio per ottenere prestigiose e remunerate posizioni di lavoro in Silicon Valley”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Un C130-J dell'aeronautica militare partito da Pisa ha trasferito il bambino dalla Sardegna a Firenze in un trasporto sanitario urgente
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alfredo De Girolamo e Enrico Catassi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Politica

Attualità

Cronaca