Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:09 METEO:PISA9°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
sabato 22 gennaio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Diana, l'arbitro vittima di revenge porn: «Sui social i miei video privati, è un porcile, aiutatemi»

Cronaca giovedì 03 luglio 2014 ore 19:30

Le mancano 20 centesimi, multa di 41 euro sul bus

Una ragazza di Cascina ha acquistato il biglietto per l'importo sbagliato, ma per il controllore viaggiava senza. Una colletta per pagare il verbale



CASCINA — Ha comprato un biglietto a Pontedera per arrivare a Cascina. Si è consultata col tabaccaio e ha acquistato quello da 1,80 euro. Ma per coprire l'intero tragitto, a una parrucchiera disoccupata di 19 anni di Cascina serviva il biglietto da 2 euro. 

Solo che lei non lo sapeva. "L'ho scoperto - racconta Giada - quando a Fornacette sono saliti due controllori, uno mi ha chiesto il biglietto, glielo ho mostrato e lui mi ha chiesto i documenti. Ho capito che mi avrebbe fatto la multa, ma onestamente non capivo per cosa". 

Quei 30 centesimi le sono costati 41 euro. Che ora pagherà grazie alla solidarietà delle persone: a Cascina, dalla consigliera della Lega Susanna Ceccardi alla quale la ragazza ha confidato il fatto, è partita una colletta. Sul bus con lei, quel 18 giugno, c'erano diverse persone. Tra loro, due ragazzi stranieri, entrambi senza biglietto. Scoperti dal controllore, a uno di loro è stato intimato: "O paghi il biglietto o scendi", mentre l'altro, come Giada, si è preso la multa. "Io ho chiesto di poter integrare la cifra - spiega la ragazza ancora scossa e dispiaciuta -, ma mi ha detto che non era possibile, che doveva fare così. Tra l'altro sul verbale c'è scritto 'sprovvista di biglietto', ma io l'avevo il biglietto, solo che avevo sbagliato il chilometraggio. Mi ha detto che era cambiato da gennaio, ma io era un po' che non prendevo l'autobus e poi ho chiesto al tabaccaio, quindi ero tranquilla". 

Ma Giada non può neppure dimostrare che il biglietto lo aveva acquistato, visto che non viene rilasciato lo scontrino e che "quando mi ha dato il verbale mi ha sfilato il biglietto. Io non ci ho fatto caso, ma adesso mi tocca pagare". 

"Un briciolo di umanità" quello che si sarebbe aspettata la consigliera Ceccardi. "Lei ha sbagliato, è vero, ma quei 20 centesimi non possono costare 41 euro. Non in questo momento di crisi, non a una ragazza disoccupata, non se un altro vicino a lei ha potuto pagare semplicemente ciò che doveva. Perché lei no?". 


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Ore di apprensione e ricerche per la scomparsa di un dipendente pubblico che non ha fatto ritorno a casa. In campo anche le unità cinofile
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Sport

Cronaca

Cronaca