Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 21:33 METEO:PISA22°32°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
giovedì 11 agosto 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Blitz dei Nas nei parchi acquatici, chiuse 10 strutture: «Piscine piene di batteri e pericolose»

Attualità martedì 07 luglio 2015 ore 17:30

Nasce a Pisa la Carta a tutela dell'ambiente

Firmata a San Rossore, la “dichiarazione di Pisa” è stata pubblicata dagli uffici del Consiglio D'Europa



PISA — Firmata a San Rossore, la “dichiarazione di Pisa” è stata pubblicata dagli uffici del Consiglio D'Europa. Si tratta di un documento ufficiale che porta a sintesi i lavori del workshop a cui hanno di recente partecipato, nella Tenuta di San Rossore, oltre un centinaio di delegati provenienti da 26 paesi europei.

I temi all’ordine del giorno del seminario, citati espressamente anche del documento, erano incentrati sulla necessità di reagire con risposte innovative e specifiche ai cambiamenti ambientali, sociali e tecnologici in atto e alle sfide del ventunesimo secolo.

La “dichiarazione di Pisa” è un documento programmatico proveniente “dal basso”, alla cui stesura hanno partecipato gli stessi amministratori dei parchi e delle riserve naturali, che sintetizza la visione per il futuro delle aree protette insignite del Diploma europeo, e che individua in particolare alcune specifiche esigenze e raccomandazioni per garantire un miglioramento della loro gestione: una gestione che sia capace di valutare nuovi approcci innovativi insieme alle comunità locali e individuare soluzioni creative vantaggiose per entrambe le parti. Si parte dal ruolo della comunicazione, con un appello affinché siano sviluppate strategie di comunicazione che puntino sulle nuove tecnologie e siano in grado di influenzare positivamente il tessuto politico e i media locali, e dal rafforzamento della cooperazione con il settore privato e la promozione della green economy, che vengono individuati come esempi di strumenti operativi per la gestione partecipata delle aree protette.

I rischi provenienti dalle minacce più concrete del XXI secolo, tra cui il cambiamento climatico e le specie esotiche invasive – temi di grande attualità anche a San Rossore alla luce del recente allarme sul pinolo “nostrano”, rivestono ampio spazio nella dichiarazione di Pisa, al punto che viene auspicata la formazione di una vera e propria rete europea di ecosistemi funzionalmente collegati e per la prima volta viene raccomandata una revisione del concetto di “naturalità”, che tenga conto delle interdipendenze delle aree protette con l’ambiente circostante.

Nei prossimi mesi la dichiarazione sarà presentata agli organi ufficiali del Consiglio d’Europa per il recepimento di alcune o tutte le raccomandazioni e perché anche le prossime assegnazioni o i rinnovi del prestigioso riconoscimento tengano conto, in futuro, di tali aspetti.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Secondo Ciccio Auletta la ditta incaricata sarebbe stata oggetto di un’interdittiva antimafia da parte della Prefettura di Salerno
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Cronaca

Attualità