Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:20 METEO:PISA11°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
martedì 29 novembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
L'Italia in bilico. E se la smettessimo con le ipocrisie?

Attualità mercoledì 16 marzo 2022 ore 12:40

Accoglienza degli ucraini, le Acli si mobilitano

Attivata una "rete di prossimità" per accogliere le famiglie in fuga dalla guerra. Si cercano anche alloggi e si raccolgono fondi per l'Ucraina



PISA — Un numero di telefono e una mail. Sono due strumenti della rete di prossimità attivata dalle Acli provinciali di Pisa attraverso il Punto Famiglia per sostenere i civili in fuga dalla guerra in Ucraina che stanno arrivando anche nel territorio pisano. L'obiettivo è incrociare i bisogni con le disponibilità presenti sul territorio. 

“Abbiamo messo in campo questo strumento per monitorare in tempo reale le necessità via via emergenti e anche le forme di aiuto e sostegno attivate da quell’ondata di solidarietà diffusa, una delle cose più belle di questi giorni tragici, che, però, ha bisogno di essere un minimo organizzata e coordinata – ha spiegato il presidente della Acli pisane, Paolo Martinelli –: iscrivendosi al canale whatsapp “welfarelab” tutti i partecipanti riceveranno periodicamente gli aggiornamenti sulle diverse situazioni di bisogno e potranno dare la propria disponibilità per dare risposta, in modo mirato, a quelle che specificamente possono risolvere”. 

Entrare a far parte della rete di prossimità è semplice: basta chiamare o mandare un messaggio al 379.1813508 oppure inviare una mail a puntofamiglia.pisa@acli.it.

In parallelo prosegue anche la ricerca di alloggi da segnalare ai canali istituzionali di accoglienza e la raccolta fondi a sostegno degli interventi di Acli Ipsia e della rete Caritas in Ucraina.

I fondi destinati alla prima saranno destinati all’acquisto in loco di materiale medico sanitario, alimenti e generi di prima necessità per profughi al confine con l’Ucraina e per sostenere l’accoglienza nel centro Ipsia di Trento e in altre strutture d’Italia. Per sostenere questi interventi l’iban è IT60C0760101600001051449377 (intestato a Istituto Pace Sviluppo Innovazione Acli-Ipsia, causale “Emergenza Ucraina”).

In Ucraina, invece, sono tutt’ora attive Caritas Ucraina e Caritas Spes, espressione, rispettivamente, della chiesa greco-cattolica e della chiesa latina, in questi giorni terribili di bombardamenti e guerra ininterrotta, entrambe impegnate nell’accoglienza delle famiglie, nel trasporto verso luoghi più sicuri degli sfollati e nella gestione dei centri collettivi in cui dormire, mangiare e curare i bambini. Per sostenere questi interventi l’iban è IT60U0523214002000000012410 (intestato a Arcidiocesi di Pisa – Caritas diocesana di Pisa, causale “Ucraina’’).


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Vigili del fuoco, carabinieri e volontari stanno cercando un uomo del quale si sono perse le tracce. Perlustrate le zone di Caprona e Zambra
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alessandro Canestrelli

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità