Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:51 METEO:PISA11°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
lunedì 06 dicembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Vaccini, Regione e ospedale Bambino Gesù lanciano campagna per i bimbi

Attualità sabato 09 gennaio 2021 ore 12:42

Bar e ristoranti, più suolo pubblico e gratis

I dehors di via Santa Maria

Varata l'esenzione straordinaria, fino a tutto Marzo, dal pagamento del suolo pubblico. Possibilità di allargare i dehors fino al 60 per cento in più



PISA — La giunta comunale ha approvato una delibera che contiene alcune misure di sostegno alle attività economiche cittadine che usufruiscono del suolo pubblico. In pratica, il Comune di Pisa introduce una agevolazione concessoria eccezionale che prevede, oltre all’esonero dal pagamento del suolo pubblico fino al 31 Marzo 2021, la celerità nelle procedure amministrative, un incremento di superficie fino al 60 per cento delle concessioni già rilasciate nel periodo pre-Covid.

L'assessore Paolo Pesciatini

“Quello che è stato presentato oggi è un atto importante – ha commentato l’assessore al Commercio Paolo Pesciatini - volto a sostenere le imprese di pubblico esercizio della nostra città che svolgono anche un ruolo fondamentale all’interno del nostro sistema di accoglienza, oltre a costituire un essenziale luogo di socialità".

Per semplificare l'iter burocratico relativo alla richiesta di concessione di suolo pubblico la delibera approvata dalla giunta prevede, nello specifico, che le comunicazioni di rinnovo, di nuove concessioni o di ampliamento delle superfici già concesse vengano inviate mediante pec a Sepi Spa, con allegata la sola planimetria e non in bollo. Occorrerà produrre anche la dichiarazione di consenso del titolare delle attività limitrofi nel caso di sovrapposizione di spazio o di copertura dell’ingresso o vetrina.

"Le categorie interessate - ha sottolineato l'assessore - hanno necessità di adeguati sostegni e impegni chiari per consentire la loro effettiva ripartenza senza dover essere costantemente assoggettate a continue incertezze in merito alle aperture soprattutto dopo gli adeguamenti che hanno dovuto sostenere a seguito delle nuove esigenze legate al distanziamento. Come Amministrazione Comunale faremo quanto necessario per cogliere tutte le opportunità che vengono dallo Stato nonché mettendo a disposizione risorse proprie del Comune per tutelare questo imprescindibile settore della nostra economia”.

L’atto prevede inoltre che la posa in opera temporanea di strutture e elementi di arredo (tavolini, sedie, ombrelloni, ecc.) su vie e piazze, strade e altri spazi aperti pubblici di interesse culturale o paesaggistico non verrà subordinata alle autorizzazioni previste dal Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio, ferma restando la compatibilità con la normativa del Codice della Strada, preventivamente valutata dalla Polizia Municipale.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
I nuovi contagiati risiedono in gran parte nella zona del capoluogo ma ci sono casi anche in Valdera, comprensorio del Cuoio e alta Valdicecina
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Salvatore Calleri

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Spettacoli

CORONAVIRUS

Attualità

Imprese & Professioni