comscore
Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:15 METEO:PISA9°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
martedì 19 gennaio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Governo, sì della Camera alla fiducia a Conte: maggioranza assoluta con 321 sì

Attualità venerdì 30 ottobre 2020 ore 15:44

Briani alle associazioni: "Lavoriamo insieme"

Ambulanze in coda all'ospedale di Cisanello la sera del 27 ottobre

Sul caso delle ambulanze in fila in attesa all'ospedale Cisanello la direttrice generale della Aoup replica a Misericordia, Anpas e Cri di Pisa



PISA — La direttrice dell'Azienda ospedaliero universitaria pisana (Aoup), Silvia Briani, interviene su quanto avvenuto la sera del 27 ottobre all'ospedale di Cisanello. L'intervento dei vertici Aoup arriva a seguito delle critiche sollevate dalle associazioni - Misericordie Pisane, Anpas zona Pisana e Croce Rossa Italiana comitato di Pisa - che dopo aver pubblicato sui social le foto quella stessa sera, foto che raccontavano la coda di ambulanze fuori dall'edificio 31, hanno lamentato attese di pazienti e operatori giunte fino a 11 ore.

"Noi lavoriamo all’interno dello stesso sistema – ha ricordato Briani alle associazioni - allineati per offrire il massimo della qualità e tempestività nelle cure perché facciamo parte della stessa famiglia, ossia il servizio sanitario regionale. Non abbiamo quindi un vissuto di differenze o antagonismo, abbiamo sempre un unico obiettivo: garantire a tutti sicurezza e qualità delle cure e per farlo lavoriamo tutti all’interno di un processo. A volte, nell’allineamento di un processo dentro il quale siamo tutti coinvolti, come tanti componenti di una rete, si può determinare un collo di bottiglia, specie in situazioni emergenziali di criticità subentranti in tempi rapidi, come questa seconda ondata di pandemia da Covid-19. Ma credo che non sia giusto colpevolizzare le singole parti del sistema se si vengono a creare dei colli di bottiglia". 

Silvia Briani

"Piuttosto - ha proseguito la direttrice Aoup - credo che, lavorando tutti insieme pur nelle difficoltà contingenti, si debba cercare di trovare una soluzione. Quella sera gli accessi erano tanti e subentranti e, nonostante fossero stati aperti nuovi letti, sono andati rapidamente esauriti. Questo ha determinato indubbi disagi ma non è che tutti i giorni si crei un imbuto di questa natura perché l’Aoup, nel tempo, ha implementato molte iniziative per ridurre la problematica dell’attesa delle ambulanze. Noi siamo consapevoli che dobbiamo cercare di fluidificare ancora i percorsi, stiamo aprendo nuovi letti in accordo con la Regione però il processo è complesso perché è costituito di tante parti, compresi i tamponi, e la processazione dei tamponi richiede tempi tecnici che vanno dalle 6 alle 8 ore. Questo indubbiamente rappresenta un elemento di rallentamento dell’intero processo ma lavoriamo tutti per migliorarlo". 

"I soccorritori delle associazioni di volontariato fanno la loro parte e noi di loro abbiamo da sempre grandissima stima e considerazione - ha concluso Briani -, anzi, per noi rappresentano dei partner fondamentali perché ci portano i pazienti, li sostengono anche psicologicamente nel momento dell’accesso in ospedale per cui li ringraziamo e siamo sempre allineati e alleati con loro. Chiediamo solo un po’ di comprensione se, talvolta, incappiamo in percorsi non particolarmente fluidi sempre ribadendo l’impegno costante e puntuale a migliorarli”.

L’Ufficio stampa Aoup precisa inoltre di non aver "mai smentito la veridicità della foto ma ha semplicemente spiegato, a una testata online in particolare, cosa quella foto rappresentasse. Spiegazione che è stata poi fornita per iscritto nel comunicato stampa ufficiale sulla seconda fase del piano pandemico, diffuso in serata a tutti i mass-media". 

Eccone di seguito un estratto:

In riferimento invece alle ambulanze incolonnate e instradate nell’area Covid dell’Edificio 31 a Cisanello la scorsa notte, lungo il sottopasso dell’Edificio 31, con pazienti e personale sanitario a bordo, le cui fotografie sono state postate da qualcuno sulle piattaforme social e diventate virali scatenando panico e reazioni emotive nella popolazione, si è trattato di un momento di picco di accessi, tramite il 118, di pazienti sintomatici in attesa di tampone o di pazienti Covid-positivi che dovevano essere ricoverati, il cui percorso sanitario non poteva incrociarsi con quello dei pazienti in attesa al Pronto soccorso per altre problematiche. Si è trattato dunque di un momento di rallentamento, nel turn-over dei posti letto – come sta avvenendo purtroppo in questi giorni in molti ospedali d’Italia - che si è poi risolto nel giro di poche ore. I pazienti in ambulanza sono stati comunque tutti monitorati e valutati dal personale medico e infermieristico a intervalli regolari, senza interrompere la continuità assistenziale, nonostante i carichi di lavoro e la situazione di oggettiva difficoltà per il personale.



Tag
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Politica

Cronaca

Cultura