Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:00 METEO:PISA20°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
sabato 16 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Canarie: terremoto di magnitudo 4,5 provoca nuovo fiume di lava, altri 300 evacuati

Attualità martedì 20 novembre 2018 ore 15:00

Case per uomini che maltrattano, è polemica

Carla Pochini

Casa della donna contro il punto inserito nel programma di mandato del sindaco: "Consiglieri, chiedete il ritiro di questa proposta senza senso”



PISA — “Nel caso di padri maltrattanti si dovrà invertire la tendenza per cui le madri e i figli sono costretti ad abbandonare la loro casa per trasferirsi in case rifugio, saranno pertanto previste residenze nelle quali far trasferire i padri per consentire alle madri e ai figli di restare nel loro ambito abitativo abituale riducendo, soprattutto per i bambini, le cause di disagio e di stress”. E' quanto si legge a pagina 23 del programma di mandato del sindaco Michele Conti, al paragrafo “Politiche di tutela alla genitorialità”.

La proposta ha sollevato la dura reazione dell’associazione Casa della donna:

“Quella contenuta nel programma di mandato del sindaco Conti  - si legge in una nota della Casa della donna- è un’idea paradossale che mette a rischio la vita delle donne maltrattate e dei loro figli. In caso di gravi maltrattamenti le donne e i minori devono essere allontanati e ospitati in una casa rifugio ad indirizzo segreto proprio per garantirne la sicurezza ed evitare che il maltrattante possa reiterare le violenze e arrivare addirittura al femminicidio”.

"Tutte le legislazioni, convenzioni e linee guida nazionali e internazionali - dichiara Carla Pochini, presidente della Casa della donna - prevedono che in caso di gravi maltrattamenti le donne e i minori vengano allontanati dal maltrattante e ospitati in una casa rifugio ad indirizzo segreto proprio per garantirne la sicurezza ed evitare che il maltrattante possa reiterare le violenze. A Pisa, invece, caso unico al mondo, il sindaco vuole aprire una casa di accoglienza per uomini maltrattanti e lasciare donne e bambini alla mercé dei propri carnefici".

“Le case rifugio, 55 in tutta Italia, sono l'unico luogo davvero protetto dove le donne maltrattate e i loro bambini e bambine - spiega Giovanna Zitiello, coordinatrice del centro antiviolenza della Casa della donna - possono salvarsi dalla violenza omicida di mariti e padri".

"Ci appelliamo a tutti i consiglieri comunali - conclude Zitiello - intervenite e chiedete il ritiro di questa proposta senza senso”.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Unica soluzione per non perdere le spiegazioni del prof, vista l'alternanza di lezioni in presenza e a distanza e la mancanza di spazi disponibili
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Cronaca

Attualità

Lavoro