Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:23 METEO:PISA11°19°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
lunedì 25 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Emissioni di CO2: l'impatto di internet, cloud e streaming sul riscaldamento globale e come ci ingannano i big del web

Attualità martedì 10 marzo 2020 ore 20:05

"Nessun camper arrivato dal nord"

Michele Conti, sindaco di Pisa

Questo l'esito dei controlli effettuati dalla polizia municipale. Individuate due famiglie che però si sono poste da subito in isolamento volontario



PISA — Con oggi salgono 115 le persone residenti nel Comune di Pisa sottoposte ad isolamento domiciliare con sorveglianza attiva, misura precauzionale disposta dal sindaco su indicazione della Asl per presunti contatti con persone risultate positive ai primi tamponi sul coronavirus Covid-19. Alle 90 di ieri, dunque, nella giornata odierna se ne sono aggiunte altre 25.

Ancora oggi, con l'entrata in vigore le nuove regole per il contenimento del Covid-19 su tutto il territorio nazionale disposte dal governo, la polizia municipale ha effettuato alcune verifiche sul litorale pisano, Marina, Tirrenia, Calambrone, al fine di accertare l'eventuale presenza di cittadini arrivati in questi ultimi giorni dalle ex zone rosse della Lombardia e del Veneto. 

"Sono state individuati due nuclei familiari che - hanno fatto sapere da palazzo Gambacorti -, spontaneamente si erano collocate in quarantena, a cui è stato ricordato di fare comunicazione puntuale della presenza, con indicazione delle generalità, alla Azienda Toscana Nord Ovest (rientrocina@uslnordovest.toscana.it). Dalle ispezioni effettuate non è risultata la presenza di camper in sosta nelle aree attrezzate".

Nel pomeriggio il sindaco Michele Conti. in un video sui canali YouTube e Facebook, ha rinnovato l’appello a evitare ogni spostamento e ha risposto ad alcuni dei principali interrogativi che sono stati sollevati in queste ore sui social, su cosa si può o non può fare in questi giorni fino al prossimo 3 aprile 2020.

"Dobbiamo attenerci alle disposizioni del Decreto, senza perdere la calma e con grande senso di responsabilità – ha detto il primo cittadino -. Rinnovo l’appello a tutti i cittadini di Pisa: Bisogna evitare ogni spostamento; è vietata ogni forma di assembramento anche all’aperto. Non uscite se non per motivi strettamente necessari e comunque sempre rispettando le distanze di sicurezza; se avete tosse, raffreddore o febbre non vi recate al Pronto Soccorso ma chiamate il vostro medico di base o pediatra. Gli anziani, gli immunodepressi e le persone con patologie devono assolutamente restare a casa".

"In queste ore - prosegue - molti cittadini mi chiedono come si devono comportare nella vita di tutti i giorni. Per fare chiarezza, provo a rispondere ad alcuni interrogativi, ricordando che calma, intelligenza e buon senso dovranno governare le nostre decisioni individuali nei prossimi giorni.

1. Sono un lavoratore, posso raggiungere il luogo di lavoro? SI, spostamenti solo per esigenze lavorative. se il lavoro è fuori dal proprio comune occorre l’autocertificazione.

2. Posso andare a fare la spesa? SI, una persona per famiglia. solo nel proprio comune. ricordo che i centri commerciali rimarranno chiusi nei fine settimana.

3. Posso andare al parco? SI, evitando luoghi affollati e mantenendo la distanza di sicurezza.

4. Posso andare a casa di amici per una cena? NO, gli spostamenti non sono consentiti.

5. Posso andare a trovare la fidanzata fuori comune? NO, si può lasciare il comune solo per ragioni di lavoro o di salute o necessità.

6. Posso andare a prendere mio figlio dall’ex coniuge che abita fuori comune? SI, spostamento consentito per necessità.

7. Ho i genitori anziani, posso raggiungerli? SI, spostamento consentito per necessità ma sarebbe meglio evitare.

8. Bar e ristoranti rimangono aperti? SI, ma solo dalle ore 06 alle 18.00, garantendo la distanza di sicurezza di un metro.

9. E gli altri negozi? farmacie e parafarmacie saranno sempre aperte e gli altri negozi rimangono aperti solo se possono garantire le distanze di sicurezza".

"A quanti sono arrivati nel nostro Comune dalle aree del nord Italia - ha concluso Conti - ricordo che devono comunicare la propria presenza alle autorità sanitarie. è importante! Dobbiamo cambiare le abitudini per fermare il virus, con un po’ di impegno ce la possiamo fare. Lo dobbiamo fare per tutelare la salute pubblica, in particolare le persone anziane, quelle più fragili, quelle più esposte al rischio del contagio. Sono sicuro che ce la possiamo fare. Il risultato dipende da ognuno di noi".

#IORESTOACASA Cosa fare o non fare fino al 3 aprile
Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Previsto un momento pubblico di raccoglimento e ricordo, per salutare la dottoressa e assessora comunale scomparsa a 49 anni
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alfredo De Girolamo e Enrico Catassi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Attualità