Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:00 METEO:PISA12°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
lunedì 17 gennaio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Scuola, Bianchi: «Vaccino obbligatorio per la tutela di tutti»

Attualità sabato 20 luglio 2019 ore 10:44

Debiti da "rottamare", le scadenze

Il nuovo regolamento consentirà ai cittadini pisani di definire in modo agevolato le loro posizioni debitorie. Domande entro settembre



PISA — Sarà possibile “rottamare” i debiti con il Comune grazie al nuovo regolamento sulla definizione agevolata delle entrate comunali.

Il Comune di Pisa, infatti, ha approvato nei termini stabiliti dalla legge (58/2019 che ha convertito il cosiddetto “Decreto crescita”) il regolamento che consentirà ai cittadini pisani di definire in modo agevolato le loro posizioni debitorie con il Comune. Si tratta di posizioni oggetto di ingiunzione fiscale effettuata entro il 2017 e non ancora onorate e riguardano tributi non versati (Tari, Ici, sanzioni del codice della strada, Cosap e altri tributi) per un valore complessivo di 2.133.000 euro. In tutto sono coinvolte quasi 2mila posizioni.

Sono oggetto della definizione agevolata soltanto le ingiunzioni fiscali notificate nel periodo dal 2000 al 2017 riferite ad atti di accertamento, avvisi di liquidazione, atti di contestazione quali Ici, Imu, Tarsu, Tares, Tari, Tasi, Icp, Cimp, Iscop, Affissioni, Cosap, Tosap limitatamente alle sanzioni irrogate. Vi rientrano anche le ingiunzioni fiscali relative a sanzioni amministrative per violazione al Codice della Strada, con riferimento esclusivo alle maggiorazioni applicate alla sanzione, diverse dagli interessi legali.

“Con l’attuazione di questo Regolamento – dichiara il sindaco Michele Conti - si va incontro ai cittadini che si sono trovati in una situazione di momentanea difficoltà permettendo loro di regolare le posizioni debitorie. Nello stesso tempo il Comune di Pisa tramite Sepi potrà recuperare il capitale, somme altrimenti difficilmente reperibili. Sono orgoglioso di questo provvedimento – chiude Conti – perché siamo uno dei pochi comuni italiani ad averlo attuato nei tempi previsti dalla normativa nazionale”.

La Sepi, Società delle Entrate Pisa spa, rende noti in una informativa le modalità e termini di pagamento che potranno avvenire in un’unica soluzione entro il 31 gennaio 2020, oppure in quattro rate (ultima scadenza luglio 2021). Mentre gli importi inferiori a euro 200 euro dovranno essere pagati in un’unica soluzione entro gennaio 2020.

L’istanza di definizione agevolata deve essere presentata, a pena di decadenza, entro il 30 settembre 2019, tramite Pec, raccomandata o a mano presso gli sportelli della Sepi. L’esito della domanda sarà comunicato al debitore entro il 31 dicembre 2019.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Un C130-J dell'aeronautica militare partito da Pisa ha trasferito il bambino dalla Sardegna a Firenze in un trasporto sanitario urgente
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alfredo De Girolamo e Enrico Catassi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Politica

Attualità

Cronaca