Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:25 METEO:PISA13°21°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
domenica 24 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
In Colombia arrestato Dario Antonio Usuga: era il narcotrafficante più ricercato del Paese

Attualità venerdì 16 dicembre 2016 ore 11:38

I centomila siti sull'alimentazione

Al Cnr di Pisa nasce l’Osservatorio internet permanente nel settore agroalimentare. Sono quasi 100mila i siti web agroalimentari in Italia



PISA — Il settore agroalimentare è uno dei pilastri dell'economia italiana. Questa situazione, però, trova riflesso sulla rete? Le aziende sfruttano le potenzialità e i benefici che Internet offre? Esiste un digital divide nel settore? Questi sono alcuni quesiti dai quali è partita la nascita di “FINe”, ovvero Food in the NEt observatory. L’osservatorio nasce da una ricerca condotta dal Registro .it, l’anagrafe di tutti i domini con suffisso “.it”, operante nell'Istituto di Informatica e Telematica del Consiglio Nazionale delle Ricerche di Pisa (Iit-Cnr). La ricerca, con la collaborazione del Dipartimento di Informatica dell'Università di Pisa e Infocamere, ha analizzato il rapporto fra i soggetti che operano nel settore agroalimentare e la rete.

Obiettivo principale dello studio è stato quello di realizzare un “Osservatorio internet permanente dell’agroalimentare in rete”, che analizzi la diffusione su internet dei vari settori appartenenti all'agroalimentare e studi la loro diffusione e distribuzione a livello geografico italiano.

Ad oggi sono stati classificati come agroalimentari quasi 100mila siti. Di questi, per citare alcuni dati, il 36,9% appartiene al settore della ristorazione, l’11,5% e l’11,1% ai settori vino e agriturismo rispettivamente e il 9,5% al settore dei farinacei.

Il portale, con altri dati di settore, è disponibile al link: http://www.foodinthenet.it.

Per raggiungere tali risultati, è stato implementato un modello di studio e valutazione esportabile anche a livello internazionale e in altri settori.

Il progetto ha visto la realizzazione “in house” di un sistema di web crawling e analisi semantica dei contenuti che, partendo dalla lista di tutti i nomi a dominio registrati con il suffisso “.it”, ne ha consentito l’individuazione di un sottoinsieme ben definito, la loro classificazione sulla base di tipologie e settori specifici e la realizzazione di un portale che, in tempo reale, consente di evidenziare i risultati ottenuti e renderli facilmente fruibili dalla comunità degli utenti internet.

“Con la nascita dell’Osservatorio – dice Maurizio Martinelli, responsabile unità sistemi e sviluppo tecnologico di Registro .it - abbiamo pensato di colmare un vuoto informativo e di indagine in un settore cardine dell’economia del Paese. Al tempo stesso abbiamo fornito, alle aziende che operano nel settore agroalimentare, uno strumento per essere facilmente identificate e rintracciate sulla rete, sia in base al settore agroalimentare in cui operano, che alla posizione geografica (regione e provincia) dove sono situate.”

All’Osservatorio partecipano: Luca Deri, Francesco Donini, Loredana Sideri, Sonia Prignoli, Michela Serrecchia, Luca Vasarelli dello Iit-Cnr e Daniele Sartiano (Unipi – Dipartimento di Informatica).

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Un'altra vittima del Covid sul territorio provinciale pisano e altri 36 nuovi casi. In Toscana ci sono 5 decessi e 285 nuovi casi
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Cronaca