QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PISA
Oggi 14°17° 
Domani 14°17° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
martedì 23 aprile 2019

Attualità sabato 13 maggio 2017 ore 09:54

"Il People Mover è inutile e costoso"

People mover bocciato dalla Confcommercio di Pisa:"Inutile e più costoso della Salerno Reggio Calabria", secondo l'associazione



PISA — Più costoso della Salerno – Reggio Calabria, il “People Mover” è semplicemente un'opera inutile per Pisa! Questa la sonora bocciatura ad opera del direttore di ConfcommercioPisa Federico Pieragnoli

“Fino ad oggi la Salerno – Reggio Calabria è costata 25.000 mila euro al metro [25 milioni di euro al km], mentre per il People Mover pisano saliamo alla cifra mostruosa di 40.000 euro al metro. Basta questo semplice paragone per capire che siamo in presenza di un'opera costosissima e peraltro inutile, visto che i collegamenti tra aeroporto e stazione non mancano, compreso una ferrovia che entra direttamente all'interno dello scalo pisano”.

Quello che preoccupa il direttore di Confcommercio Pisa è la sostenibilità dell'opera e il conseguente rischio di ricadute negative sull'intera economia cittadina: “Gli imprenditori del commercio e del turismo hanno più di una preoccupazione, perché l'impatto sul loro lavoro è già ora molto negativo. La politica dei parcheggi e della mobilità dell'intera città, fondamentale per gli affari del commercio e del turismo, è stata di fatto quasi completamente asservita alle esigenze del People Mover, con l'aumento indiscriminato dei parcheggi del 25%, la riduzione delle corse degli autobus e via dicendo”.

Ma questo è ancora poco rispetto a quello che potrebbe accadere se l'opera, nonostante le tante rassicurazioni, non riuscisse a raggiungere i livelli minimi di competitività prevista, a causa della cosiddetta clausula capestro, che prevede l'immissione di nuovi soldi pubblici per compensare i mancati introiti previsti: “Un fiume di denaro pubblico è già andato a finanziare questo trenino sopraelevato. Se scattasse anche la clausula, oltre il danno la beffa per cittadini e imprenditori, siano essi pisani o toscani, costretti a sopportare un peso ancora maggiore di tasse e imposte locali, beneficiando ancora meno dei già risicati investimenti pubblici. Insomma, sarebbe un disastro completo”.

La conclusione del direttore della Confcommercio di Pisa è tutta concentrata in una proposta finale: “Applichiamo il metodo People Mover a tutte le imprese pisane: davanti a situazioni eccezionali, non dipendenti dall'imprenditore, impegniamo soldi pubblici a colmare i mancati guadagni previsti. Sarebbe una misura di grande equità. Noi siamo favorevolissimi, visto il precedente, l'amministrazione comunale sarà sicuramente d'accordo con noi”.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cultura

Cronaca

Attualità

Cronaca