Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 08:49 METEO:PISA23°30°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
martedì 27 luglio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
La grandine manda in tilt l'autostrada A1: auto devastate, parabrezza sfondati e code infinite

Politica venerdì 02 aprile 2021 ore 10:18

Pisa su Striscia, il Pd boccia la ricetta Conti

Agenti della polizia municipale in viale Gramsci

"Zona Stazione insicura, le soluzioni passano da un nuovo modello di città" dice il capogruppo del Partito democratico, Matteo Trapani



PISA — "Il servizio di Striscia la notizia sulla condizione in cui si trova la zona dei portici in prossimità della stazione è desolante. Pisa è una città meravigliosa e piena di risorse, ma se si finisce sulle reti nazionali per quello che non va, evidentemente sorge l’obbligo di interrogarsi sul perché". Queste la premessa che porta Matteo Trapani, capogruppo del Partito democratico in consiglio comunale, a condividere pubblicamente alcune considerazioni sull'operato della giunta Conti, sia nell'affrontare il problema dello spaccio in viale Gramsci sia nel reagire al servizio di Brumotti andato in onda su Canale5.

"Dispiace - scrive Trapani sulla seconda questione - leggere come il Sindaco Conti stia attribuendo interamente, tramite dichiarazione ad hoc fatta ai giornali, la responsabilità di quello che è successo -e che i pisani vedono quotidianamente- ai due agenti di polizia che durante il servizio si trovavano lì e non sono intervenuti, mettendo alla berlina persone senza prima una verifica di quanto avvenuto e delle eventuali mancanze che il Comune di Pisa ha avuto in questi mesi non mettendo in condizione la polizia municipale di poter lavorare. Una ricerca costante del capro espiatorio di questo tipo non solo è vigliacca, ma dimostra come Conti e la sua giunta non siano in grado di riconoscere i propri stessi errori e le proprie incapacità".

"Nel 2018 - ricorda il capogruppo Pd - hanno investito e puntato tutto sul tema della sicurezza, ma Pisa, oggi è più invivibile di prima. Tutto questo è il risultato evidente che le misure adottate dalla Lega non solo sono inefficaci, ma sono inadeguate a contrastare questo e altri fenomeni che affliggono la città. Episodi del genere avvengono non quando ci sono pochi controlli, avvengono quando ci si dimentica e si trascura una parte della città e le persone che la abitano. In questi anni è stato annullato qualsiasi progetto sociale che potesse includere e creare comunità e piuttosto si è preferito investire su innumerevoli bonus; è stata aperta una stanza della polizia municipale in zona stazione, ma non è chiaro ancora con quale scopo; non è stato avviato un dialogo con tutte le forze di polizia, facendo ricadere responsabilità e compiti esclusivamente sulla polizia municipale, come se dovesse essere l’unico soggetto incaricato per la risoluzione dei problemi".

"Piuttosto di aumentare controlli e dotazioni strumentali - domanda Trapani -, non sarebbe forse meglio rendere questi luoghi vivibili e vissuti? Non sarebbe meglio ripensare ad un superamento della piazza Vittorio Emanuele II, rendendola più adeguata a tutti e tutte? Non bisognerebbe forse mettere su un progetto di rinnovo della zona Stazione e renderla finalmente e definitivamente un degno ingresso per la città e per l’aeroporto?"

"Il sindaco Conti ha detto che “l’immagine della città di Pisa è compromessa” e su questo sono d’accordo, ma siamo in disaccordo sulle cause - conclude Trapani -. L’immagine della città è compromessa dal 2018: da quando si investe maggiormente in dotazioni strumentali per la polizia che in cultura; da quando il nostro centro è invaso dalle macchine; da quando non vengono previsti progetti di integrazione sociale o di recupero di situazioni critiche sia da parte della Società della salute, presieduta dal comune di Pisa, sia dallo stesso ente locale; da quando i cittadini non sono più chiamati a discutere e riorganizzare i propri quartieri; da quando dall’amministrazione si è deciso di non presentare alcun progetto di rivalorizzazione e riqualificazione della città sotto l’aspetto urbanistico, sociale e turistico. I pisani pensavano di aver superato un’epoca di criticità irrisolte e si sono svegliati con un’amministrazione incompetente, che racconta solamente menzogne, va avanti a slogan e interrogazioni fatte da parlamentari inesistenti. Noi siamo in attesa e lavoriamo affinché tra due anni si possa aprire una nuova era".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il ragazzo ha 23 anni e non ha dato più notizie alla famiglia da sabato scorso. E' originario di Marsala, in Sicilia ed è in Toscana dal 2017
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nadio Stronchi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Attualità

Politica