comscore
Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:00 METEO:PISA12°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
domenica 24 gennaio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Moratti furiosa: «Errore del governo, danno enorme per la Lombardia»

Attualità lunedì 28 gennaio 2019 ore 17:00

​Ipotesi Cpr a Coltano, Conti favorevole

Il sindaco Michele Conti

Il sindaco interviene sulla possibilità di realizzare un centro permanente per rimpatri in città:"Ok ma serve un percorso con Viminale e cittadinanza”



PISA — “Leggo su alcuni organi di stampa che il Viminale starebbe valutando l’ipotesi di usare l’ex struttura militare di proprietà del Demanio a Coltano per ospitare un centro permanente per rimpatri per tutta la Regione Toscana - scrive il sindaco Michele Conti -. Pur essendo favorevole all’utilizzo dei Cpr, che garantiscono in modo più efficace il rimpatrio di clandestini irregolari che permangono senza titolo nelle nostre città, non sono convinto che l’ex struttura militare di Coltano sia la più idonea per accogliere il Centro visto che per funzionare avrebbe bisogno di un importante impegno di spesa da parte dello Stato per la ristrutturazione e l’adeguamento, essendo da anni fatiscente"

"Certo - aggiunge Conti - sarebbe idonea dal punto di vista della logistica, essendo vicino al Galilei, il più grande aeroporto della Toscana, al porto di Livorno e alle strade di grande comunicazione della costa. Se l’ipotesi prendesse corpo, e ad oggi non sono pervenute conferme ufficiali a Palazzo Gambacorti, sarei pronto a chiedere al Viminale garanzie per la gestione e un percorso da costruire insieme con l’obiettivo di spiegare alla cittadinanza modalità di utilizzo ed eventuali benefici che dovranno contestualmente pervenire al nostro territorio che, ospitando il Cpr, darebbe un contributo significativo al sistema di gestione dei flussi migratori dell’intera Regione”.



Tag
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

CORONAVIRUS

Cronaca

Cronaca