Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:00 METEO:PISA10°13°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
giovedì 02 dicembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
La vicequestore no vax Nunzia Schilirò e la teoria del complotto: «Hanno rimosso un articolo dal web». Giletti la smentisce

Cronaca venerdì 29 marzo 2019 ore 15:35

Musica nei locali, arriva il limitatore

Emissioni sonore, emanata l’ordinanza del Sindaco, valida da aprile a giugno per i locali in zona Borgo Stretto - Vettovaglie



PISA — In seguito ai numerosi reclami, esposti e segnalazioni per fenomeni di disturbo della quiete pubblica e del riposo dei residenti nell’area di Piazza delle Vettovaglie, fenomeni verificatisi soprattutto dopo le 24 e comunque in tarda notte, a partire dal mese di febbraio la Municipale ha attivato - si spiega dal Comune - "Controlli notturni per verificare e sanzionare le attività comportanti emissioni sonore non consentite. A seguito delle attività di controllo, sono stati redatti circa 60 verbali per violazioni dovute alla mancanza della relazione di valutazione di impatto acustico e violazione alle prescrizioni contenute nel nullaosta comunale alle emissioni sonore, da parte di molti esercizi commerciali in zona Borgo Stretto – Vettovaglie.

Dato l’elevato numero di violazioni accertate e la reiterazione dei verbali, l’Amministrazione comunale ha pubblicato ieri l’ordinanza sindacale con le disposizioni straordinarie in materia di emissioni sonore in centro storico. L’ordinanza, a carattere contingibile e urgente, prevede che a decorrere da lunedì 1 aprile e fino al 2 giugno, nelle vie Borgo Stretto, Piazza delle Vettovaglie, Piazza Sant’Omobono e Via Domenico Cavalca, i titolari delle licenze per l’esercizio delle attività di pubblico spettacolo e intrattenimento, i titolari e gestori degli esercizi di vicinato, degli esercizi pubblici di somministrazione di alimenti e bevande, i responsabili e gestori di circoli privati e di sale gioco, debbano assicurare che i locali nei quali si svolge l’attività, in possesso di nulla osta alle emissioni sonore o documentazione di valutazione di impatto acustico valida, siano strutturati o comunque gestiti in modo tale da non consentire che suoni e rumori provenienti da attività musicali diffuse dal vivo o da apparecchi elettroacustici possano essere uditi all’esterno dei locali tra le ore 0:00 e le ore 7:00".
L’ordinanza prevede inoltre di interrompere all’interno dei locali ogni emissione acustica proveniente da attività musicali dal vivo e da apparecchi elettroacustici, comunque entro le ore 1.00 dei giorni lavorativi, dal lunedì al venerdì, ed entro le ore 2.00 del sabato, della domenica e festivi. L’inosservanza verrà punita con la sanzione amministrativa di 100 euro. Nei casi di reiterata inosservanza, può essere disposta dal Questore l'applicazione della misura della sospensione dell’attività per un massimo di quindici giorni.
“A seguito delle numerose segnalazioni e dei controlli effettuati – spiega il Comandante della Municipale Michele Stefanelli - abbiamo sentito l’esigenza di contemperare gli interessi in gioco tra il diritto al riposo dei residenti e il diritto a svolgere attività di intrattenimento rivolte alla popolazione giovane e studentesca della città. Con questa prima ordinanza, a cui ne potranno seguire altre per protrarre i divieti ulteriormente nel tempo o in altri luoghi del centro storico, intendiamo individuare una soluzione interlocutoria, che porti a stabilire un punto di equilibrio tra le diverse esigenze. L’obiettivo è quello di arrivare a una sempre maggiore responsabilizzazione da parte di tutti gli attori coinvolti”.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il tracciamento dei contagi aggiornato alle ultime ventiquattro ore e il punto sui ricoveri nelle aree Covid degli ospedali pisani
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità

Attualità