comscore
Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 21:16 METEO:PISA6°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
domenica 17 gennaio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
L'usura al tempo del Covid: così le mafie stanno soffocando l'economia | Roberto Saviano

Attualità giovedì 10 settembre 2020 ore 13:00

Post Covid, terzo settore in difficoltà

Presentati i dati della prima indagine post emergenza in Toscana. Terzo settore: indagine Cesvot "A Pisa l’84% degli enti in difficoltà”



PISA — In pochi hanno superato indenni il lockdown imposto dalla pandemia: a Pisa l’84,3% degli enti del terzo settore ha avuto un impatto negativo sulla propria attività. Il risultato più negativo in regione, peggio ha fatto solo Siena con il 78%. Tra queste ci sono realtà che hanno ridotto gradualmente la loro attività, fino ai casi più gravi che hanno chiuso o sospeso il lavoro e sono ben il 16%, in linea con la media toscana del 14,2%. E’ il quadro che emerge dall’indagine condotta da Sociometrica per conto di Cesvot, dedicata a valutare l’impatto dell’epidemia sugli enti del Terzo settore in Toscana. Onlus, associazioni di volontariato e cooperative sociali, quasi tutte hanno sofferto soprattutto per la mancanza di risorse economiche. Da una parte per l’impossibilità di reperire fondi destinati a far funzionare l’attività quotidiana, anc he attraverso eventi e iniziative pubbliche, e dall’altra anche per i nuovi costi legati all’acquisto dei dispositivi di protezione individuale che devono essere garantiti agli operatori.

Non bene su un altro fronte cruciale per le associazione: i volontari, il motore che muove il terzo settore. Solo un ente pisano su 3 non ha avuto problemi, la stragrande maggioranza ha riscontrato difficoltà non tanto nel reclutarli, quanto piuttosto nel farli lavorare in condizioni di sicurezza.

Nonostante questo quadro che fotografa una situazione a tinte fosche, l’indagine ha messo in evidenza anche la grande capacità di reazione delle associazioni, che sono totalmente determinate a continuare le attività, nonostante la crisi. L’84% ha infatti fiducia nel futuro



Tag
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

CORONAVIRUS

Attualità

Sport