Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 10:44 METEO:PISA11°14°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
lunedì 05 dicembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Esplosioni in due aeroporti russi, tre morti

Attualità giovedì 15 settembre 2022 ore 11:20

Un protocollo contro i crimini informatici

Il documento, siglato da Scuola Normale e polizia postale, è il primo del suo genere sottoscritto con un ateneo in ambito regionale



PISA — Prevenire e contrastare i crimini informatici sui sistemi informativi e le infrastrutture tecnologiche in uso alla Scuola Normale. E' questo l'obiettivo di un protocollo siglato proprio dall'ateneo con il compartimento polizia postale e delle comunicazioni per la Toscana.

Il documento è stato firmato ieri, a Palazzo della Carovana, dal direttore della Normale Luigi Ambrosio e dal dirigente del compartimento polizia postale e delle comunicazioni Lorena La Spina.

Il protocollo prevede, tra le altre cose, il tempestivo scambio di informazioni utili e la programmazione di incontri formativi, anche con finalità di carattere preventivo, oltre alla realizzazione di eventuali tecnologie per incrementare i livelli di prevenzione e contrasto dei crimini informatici ai danni dei sistemi gestiti dalla Scuola Normale.

Il documento è stato firmato alla presenza del vicario del questore di Pisa, Rodolfo Ruperti, che ha sottolineato come “La connessione tra realtà fattuale e mondo virtuale è diventata una caratteristica essenziale della nostra realtà e il costante impegno profuso ormai da anni dalla Polizia di Stato è incentrato anche sulla sicurezza del web. Creare sistemi di collaborazione diretta con le Istituzioni, come la prestigiosa Scuola Normale Superiore, consente alla Polizia di Stato di contrastare quei reati che, pur essendo commessi sul web, producono effetti diretti nella realtà, incidendo sulla sicurezza pubblica”.

“La cybersecurity rappresenta ormai un elemento imprescindibile della nostra vita quotidiana: in quanto pubblica amministrazione, riteniamo necessario attuare ogni forma possibile per prevenire e contrastare reati informatici a nostro danno, cioè a danno della collettività – ha commentato Ambrosio -. Questa collaborazione con la Polizia postale e delle comunicazioni, una volta individuati gli strumenti idonei per attuarne gli intenti, credo che rafforzerà significativamente il livello della sicurezza informatica della Scuola Normale”.

“L’iniziativa  - ha aggiunto La Spina- si inserisce nell’ambito delle numerose attività in cui la Polizia postale e delle comunicazioni è quotidianamente impegnata con l'obiettivo di potenziare la risposta a fronte di eventi critici, anche di carattere emergenziale, che possono incidere negativamente sulla regolarità dei servizi di telecomunicazione, pregiudicando i sistemi informatici e le reti telematiche individuati come 'infrastrutture sensibili di interesse pubblico'. Solo creando forme sempre più strutturate di collaborazione tra i diversi attori in gioco e valorizzando i contributi reciproci, nell'ottica di una sicurezza intrinsecamente partecipata, possiamo sperare di migliorare il livello di resilienza nelle difese digitali, in continua e rapida espansione. Siamo oggi particolarmente lieti del risultato raggiunto: quello con la Scuola Normale di Pisa è il primo Protocollo sottoscritto con un Ateneo in ambito regionale”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il giovane, 23 anni, è stato fermato all'aeroporto e portato in carcere. Dovrà scontare una pena per rapina e lesioni personali
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alfredo De Girolamo e Enrico Catassi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Cronaca