Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:05 METEO:PISA17°26°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
sabato 25 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Onorificenza a Liliana Segre, Casellati si commuove: «Lei ha trasformato l'orrore in memoria»

Lavoro martedì 04 febbraio 2020 ore 11:44

Sindacati preoccupati dai tagli al Teatro Verdi

"Pisa Capitale della Cultura? Cominciamo dal Teatro Verdi" chiedono le sigle Slc-Cgil e Fistel-Cisl criticando la riduzione dei finanziamenti



PISA — La riduzione per 100mila euro dei fondi annuali destinati dal Comune al Teatro Verdi preoccupa le organizzazioni sindacali di settore, Slc-Cgil e Fistel-Cisl. Le quali vedono in chiara contraddizione il taglio operato sui finanziamenti comunali e l'ambizione di Pisa a divenire Capitale italiana della Cultura nel 2021.

"Non è certo compito delle Organizzazioni Sindacali - commentano congiuntamente i due sindacati di settore - indagare sulla natura illogica di chi sostiene tali elementi di incoerenza, che stanno alla base di scelte tra loro agli antipodi. E’, invece, sicuramente compito delle organizzazioni Sindacali, dei lavoratori e dei cittadini di Pisa, capire il grado di affidabilità, di lungimiranza e di attenzione, che questa Amministrazione, di fatto, pone verso questo ed altri elementi emblematici della produzione culturale cittadina e, non ultimo, rilevanti anche sul profilo occupazionale". 

"A tal proposito - aggiungono Slc-Cgil e Fistel-Cisl -, è difficile immaginare come sia possibile coniugare i costi necessari per realizzare l’offerta culturale, che il Teatro Verdi è solito offrire alla città di Pisa e non solo, con i tagli consistenti annunciati che, è bene ricordarlo, avranno riflessi in negativo anche sui contributi Regionali e Ministeriali. Una minore produzione di eventi culturali, rispetto a quelli tradizionalmente realizzati e presumibilmente programmati, significa un conseguente e significativo minor ricorso alla manodopera, necessaria per produrre ciò che finora ha fatto del Teatro Verdi una realtà culturale di spicco, nel panorama Nazionale".

"Ad oggi - concludono -, né dal versante Comunale, né dal CDA del Teatro abbiamo rilevato segnali di ripensamento o di intenzione di individuare elementi compensativi. Attendiamo con apprensione e con la preoccupazione che il caso richiede, segnali concreti in questa direzione. In assenza di ciò, come abbiamo sempre fatto, discuteremo con i lavoratori e, assieme a loro, decideremo le iniziative da intraprendere".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Nuovo aggiornamento sul fronte Coronavirus. I dati aggiornati alle ultime ventiquattro ore dal bollettino regionale. Nessun decesso nel Pisano
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Cronaca

Attualità

Attualità