Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:30 METEO:PISA13°22°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
sabato 23 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Tragedia sul set, Alec Baldwin spara e uccide la direttrice della fotografia

Attualità mercoledì 26 maggio 2021 ore 14:40

Insonnia da lockdown, i mattinieri hanno retto meglio

Secondo una ricerca condotta dall’Università di Pisa e dalla scuola superiore Sant’Anna i mattinieri sono stati più resilienti dei nottambuli



PISA — Durante il primo lockdown i tipi mattinieri sono stati più resilienti e hanno resistito meglio allo stress rispetto ai nottambuli. E' quanto emerso da uno studio su sonno e stress condotto dal laboratorio Sonnolab dell’Università di Pisa e dall’Istituto di Management della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa e pubblicato sulla rivista Chronobiology International.

L’indagine è stata condotta attraverso un questionario on line al quale hanno risposto circa 1300 persone da 19 diverse regioni italiane. I ricercatori hanno impiegato scale di valutazione ben note in letteratura per misurare il cronotipo, la qualità del sonno e la resilienza. E’ risultato così i che i mattinieri, le cosiddette “allodole”, sono stati più resilienti e hanno sviluppato meno reazioni da stress post-traumatico rispetto ai nottambuli o “gufi”. Questo perché, secondo i ricercatori, chi va a letto presto e si sveglia presto ha goduto di una migliore qualità del sonno rispetto di chi va a letto tardi e si sveglia tardi.

“Bisogna prestare molta attenzione alla qualità del sonno e al ruolo del cronotipo nei meccanismi di adattamento a situazioni croniche stressanti, come quella legata alla pandemia – ha spiegato Andrea Bazzani primo autore dello studio, e medico perfezionando della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa - ll cronotipo, ovvero la preferenza individuale per i ritmi sonno-veglia, è infatti strettamente associato alla qualità del nostro sonno e mediamente i mattutini hanno un sonno qualitativamente migliore rispetto ai nottambuli”.

“Sarà utile condurre ulteriori studi in merito per approfondire, anche con tecniche di telemonitoring, la qualità del sonno e i ritmi circadiani della popolazione in studio – aggiunge il professore Ugo Faraguna dell’Università di Pisa - ma siamo fiduciosi che questi primi risultati possano incentivare l’impiego di strategie di promozione di una corretta igiene del sonno e interventi di cronobiologia che mitighino l’impatto di situazioni stressanti e croniche, come la pandemia, sulla salute delle persone”.

Insieme a Faraguna e Bazzani hanno firmato il lavoro su rivista “Chronobiology International”, per l’Università di Pisa Simone Bruno e Francy Cruz Sanabria dottorandi al Dipartimento di Ricerca Traslazionale e delle Nuove Tecnologie in Medicina e Chirurgia, Paolo Frumento, professore al Dipartimento di Scienze Politiche, e per la Scuola Superiore Sant’Anna il professore Giuseppe Turchetti.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Membro della giunta del sindaco Conti e presidente della Società della Salute della Zona Pisana, si è spenta a 49 anni
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Riccardo Ferrucci

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

CORONAVIRUS

Cronaca