Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:30 METEO:PISA20°30°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
sabato 31 luglio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Lombardia, Bertolaso: «Tra i vaccinati con doppia dose zero morti da variante Delta»

Attualità martedì 17 marzo 2020 ore 07:01

Spesa a domicilio per chi è in difficoltà

Attivato un servizio gratuito di consegna a domicilio per categorie fragili, persone in quarantena o risultate positive al Covid-19



PISA — È attivo da ieri, sul territorio comunale di Pisa, il servizio gratuito di consegna a domicilio della spesa (generi alimentari e di prima necessità) esclusivamente rivolto a tre categorie di persone che non possono ricevere supporto da parenti, amici, conoscenti: soggetti in condizione di fragilità come anziani, immunodepressi, persone con patologie gravi o croniche; soggetti posti in quarantena; soggetti Covid positivi.

Per richiedere il servizio si deve contattare il numero verde 800-086540 attivo dalle 9 alle 20. Le persone che si rivolgono a questo numero saranno ricontattate per fornire i dettagli dell’ordine che può comprendere solo medicine, cibo e beni di prima necessità.

"Sebbene alcune organizzazioni e commercianti locali abbiano istituito il servizio di consegna a domicilio rivolto a tutti i cittadini per agevolare la limitazione degli spostamenti in città e della frequentazione di supermercati e negozi – ha spiegato il sindaco Michele Conti – abbiamo deciso di istituire questo servizio di consegna a domicilio pensando alle categorie più fragili, agli anziani soli, a chi è in quarantena o risultato positivo. Lo abbiamo potuto fare grazie alla condivisione delle competenze all’interno del Centro operativo comunale, che continua a riunirsi quotidianamente, di cui fanno parte Protezione Civile, Azienda ospedaliero universitaria pisana, Azienda USL Toscana nord ovest, Società della Salute zona pisana, Polizia Municipale, CNR e associazioni di volontariato, Croce rossa italiana, Misericordia e Pubblica assistenza". 

"Vorrei ringraziare tutti - ha aggiunto il primo cittadino - poiché in un momento di difficoltà come questo l’organizzazione delle istituzioni territoriali fa rete e funziona, dando risposte rapide ai cittadini. Un grazie particolare a tutti i volontari, forze straordinarie che danno un contributo fondamentale nell’affrontare l’emergenza che la nostra comunità si trova ad attraversare".

La spesa sarà effettuata secondo le disponibilità effettive delle merci da personale volontario e consegnata sul portone di casa. Non ci sarà passaggio di denaro contante. Il costo della spesa è a carico dei cittadini senza oneri aggiuntivi per la consegna. Nel caso di persone in quarantena o Covid positive verrà rimborsato tramite bollettino che sarà inviato al destinatario da SEPI; nel caso di persone in condizione di fragilità tramite POS o versamento all’associazione di volontariato incaricata del singolo servizio (IBAN o conto corrente postale).

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Una drammatica verità venuta alla luce con la comparazione del Dna. Il cadavere trovato nelle campagne di Orzignano è di Francesco Pantaleo
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

CORONAVIRUS

Cronaca

Politica