Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:06 METEO:PISA18°28°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
mercoledì 04 agosto 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Alla scoperta della «Pompei sommersa»

Attualità venerdì 15 febbraio 2019 ore 11:40

Studiare il sabato alla biblioteca di Antichistica

La biblioteca di antichistica in via Santa Maria, Pisa

L'Università ha deciso di aprire al sabato la Biblioteca di antichistica, linguistica, germanistica, slavistica, fino alle 20. Ci sono 300 posti



PISA — L’Università di Pisa ha deciso di ampliare il numero dei posti a disposizione degli studenti aprendo una seconda biblioteca per l’intera giornata del sabato. La biblioteca di antichistica, linguistica, germanistica, slavistica che ha sede nel complesso degli ex Salesiani in via Santa Maria, mette a disposizione degli studenti le sue ampie sale di lettura per un totale di 300 posti.

Dopo l’esito molto positivo del progetto di apertura della biblioteca di Filosofia e Storia attuato nel 2018, l’Ateneo ha accolto le richieste degli studenti di aprire una seconda biblioteca per l’intera giornata del sabato - fino alle ore 20 - garantendo i servizi bibliotecari di prestito e consultazione. Tale progetto è stato avviato in forma sperimentale a partire da sabato 9 febbraio e si protrarrà fino alla fine di settembre 2019.

La biblioteca di antichistica, linguistica, germanistica è situata in via Santa Maria 44 in prossimità della biblioteca di Filosofia e Storia, anch’essa aperta per l’intera giornata del sabato.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il furto è avvenuto in Corso Italia. Il ladro è stato rintracciato e arrestato da una pattuglia della polizia municipale
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Davide Cappannari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

CORONAVIRUS